Decreto legge Ristori, Viscomi: «Tempi brevi o il Paese subirà profonde ferite»

Il deputato del Pd: «Serve un’organizzazione che superi la frammentazione delle competenze amministrative, adottando una logica di sistema»

ROMA «Tempestività degli interventi e semplicità delle misure sono dunque necessari per rafforzare quel senso di comunità. Se così non fosse il Paese subirà delle profonde ferite, e noi questo non lo permetteremo». Lo ha detto Antonio Viscomi, capogruppo Pd della commissione Lavoro, al termine del Question time alla Camera che ha visto la presenza del Presidente del Consiglio. «Abbiamo evidenziato davanti al Presidente Conte – ha spiegato – che i tempi e le modalità con cui sono state previste le erogazione dei contributi a fondo perduto, della cassa integrazione e delle indennità specifiche per le aziende e i lavoratori la cui attività è stata ridotta o fermata dal DPCM 24 ottobre, sono essenziali per la riuscita delle misure stesse. Tempestività e semplicità delle misure sono, infatti, decisive per tenere insieme il contrasto all’emergenza e la coesione del Paese, facendoci carico delle difficoltà economiche e del disagio esistenziale, e per impedire che quel disagio venga attratto da attori irresponsabili».
«Ci rassicura la mole degli interventi previsti dal governo. Ma – ha proseguito l’esponente dem – la rapidità deve diventare un impegno anche dei sistemi burocratici interessati. Serve un’organizzazione che superi la frammentazione delle competenze amministrative, adottando una logica di sistema. E questa logica di azione deve trovare senso e significato nella nostra Costituzione che pone la solidarietà come dovere inderogabile e anima di una comunità. Il Presidente Mattarella – ha concluso Viscomi – lo ha ricordato spesso: la forza principale del Paese è il senso di comunità, il non sentirsi soli davanti all’ignoto della vita e all’incertezza della pandemia».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto