Crotone, fissati tre consigli comunali in poco più di una settimana

La conferenza dei capigruppo programma tre sedute per discutere e capire la strategia dell’Asp pitagorica, progettare aiuti alle famiglie e rileggere la posizione dei dipendenti della Abramo

Crotone

di Gaetano Megna
CROTONE Tre consigli comunali da tenersi nell’arco di otto giorni. La conferenza dei capigruppo, riunitasi oggi online, ha deciso la convocazione di tre sedute di consiglio comunale. Si partirà domani con un Consiglio aperto sul tema dell’emergenza Covid-19. Probabilmente il consiglio comunale vuole capire quali sono le strategie messe in campo dall’Azienda sanitaria provinciale per fronteggiare l’emergenza, che si è abbattuta anche sulla città pitagorica e quali sono i provvedimenti che l’amministrazione comunale intende mettere in campo in favore della popolazione e dei commercianti penalizzati dall’ultimo Dpcm, che ha costituito la zona rossa in Calabria. Alla riunione dovrebbe partecipare il direttore generale dell’Asp pitagorica, Francesco Masciari. Ultimamente c’è qualche frizione tra il sindaco Vincenzo Voce e i vertici dell’Asp. Secondo quanto riferito nella giornata di oggi Voce avrebbe avuto una interlocuzione vivace, con scambio di battute al vetriolo, con un dirigente dell’Asp. Tra i temi previsti c’è anche l’idea dell’amministrazione comunale di garantire alle fasce più povere della popolazione l’esecuzione di un tampone. In questo primo consiglio comunale si potrà anche decidere degli aiuti che l’amministrazione comunale intende riconoscere soprattutto agli esercizi commerciali penalizzati dalla pandemia. Su questa questione c’è una mozione con proposta di deliberazione presentata da due rappresentanti della maggioranza, Salvatore Riga e Domenico Ceraudo. Probabilmente si deciderà della rateizzazione delle bollette dell’acqua e dell’abbattimento del 50% della Tari. Quest’ultima proposta è stata ipotizzata dal consigliere di opposizione Antonio Manica. Nel corso di questa seconda seduta, il consiglio comunale sarà chiamato ad esprimersi sulla riapertura degli impianti sportivi. Il problema è stato sollevato, con la presentazione di una mozione già discussa, dal consigliere di maggioranza Fabrizio Meo. Sempre in questa seduta il consiglio entrerà nel merito della proposta. La terza seduta dell’assise si terrà il prossimo 20 novembre per discutere del tema delicatissimo della crisi dell’azienda Abramo.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto