Chiusura scuole, la decisione del Tar non ha effetto sulle ordinanze dei Comuni

Il giudice amministrativo ha diffuso una nota integrativa al decreto che sospende l’efficacia dell’ordinanza con la quale la Regione dispone la chiusura degli istituti. «Nessun effetto sui provvedimenti autonomamente adottati dai sindaci»

CATANZARO L’ufficio stampa della Giustizia amministrativa, in una nota, «precisa che con il decreto n. 609/2020, depositato ieri, il Tar Calabria ha sospeso l’ordinanza regionale del 14 novembre 2020 con la quale era stata vietata la didattica in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado».
La sospensione decisa ieri dal Tar, prosegue la nota, «riguardando un atto generale (un’ordinanza del Presidente f.f. della Regione), ha effetto su tutto il territorio regionale, e riguarda ovviamente la sola parte dell’ordinanza con la quale il divieto è disposto. Si precisa anche che il contenzioso deciso con il decreto cautelare del Tar è stato sollevato da un gruppo di genitori con riguardo alla sola ordinanza regionale, e non ha effetto su altre ordinanze (es. comunali) con le quali – a quanto si apprende dalla stampa – alcuni sindaci di comuni calabresi hanno autonomamente provveduto a vietare la didattica in presenza sul territorio comunale, poiché da nessuno impugnate».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto