Sulla Sorical il pentastellato D’Ippolito non molla: «In pegno anche le quote della Regione?»

Il parlamentare del Movimento 5 Stelle insiste su quello che definisce “mistero” Sorical. «Ultimo, Calabretta e Manna dicano se siano state cedute in pegno anche le quote della Regione, nel caso la banca Depfa deciderebbe ogni cosa»

LAMEZIA TERME «Su Sorical emerge un altro pesante interrogativo. Anche le quote della Regione Calabria, che ne è il socio pubblico, sono state concesse in pegno a garanzia del prestito milionario che la società ha contratto con la banca tedesco-irlandese Depfa?». Lo chiede il deputato M5S Giuseppe d’Ippolito, che alla Camera siede in commissione Ambiente. «In caso affermativo – prosegue il parlamentare del Movimento 5 Stelle – le conseguenze sarebbero tremende: significherebbe che quel prestito verrebbe rimborsato con i soldi dei cittadini dei calabresi, quindi più di qualcuno dovrebbe risponderne a capo chino e nascondendo la faccia. Oltretutto, se fossero state impegnate anche le quote della Regione, Depfa potrebbe avere il controllo dominante del capitale sociale di Sorical, il che – osserva il deputato – cancellerebbe ogni ipotesi di trasformarla in soggetto completamente pubblico e di affidarle la gestione dell’intero servizio idrico regionale». «Queste mie ulteriori domande – spiega l’esponente M5S – non sono peregrine, perché qualche anno fa Raimondo Besson, già amministratore delegato della società mista Acqualatina e della “gemella” Sorical, descrisse l’accordo finanziario concluso tra Depfa Bank e l’azienda laziale, ricordando che a garanzia di quel prestito vennero date in pegno quote di azioni del socio privato Veolia e anche del socio pubblico, cioè il Comune di Latina e altri enti. Contestualmente, Roberto Lossio, allora assessore all’Ambiente a Latina, spiegò che in sostanza l’atto di pegno serviva a garantire alla banca estera oltre i due terzi del controllo del capitale sociale di Acqualatina e che, in caso di mancato rispetto delle clausole, Depfa poteva andare in assemblea e decidere ogni cosa». «Anche sulla specifica e non lieve questione che ho posto, pretendo – conclude D’Ippolito – che l’assessore regionale Ultimo, il commissario liquidatore di Sorical, Calabretta, e il presidente dell’Autorità idrica regionale, Manna, diano una parola unica, di verità, prima che si decida chi dovrà essere il futuro gestore del servizio idrico calabrese. Prevenire è meglio che curare».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto