Spirlì contesta il nuovo Dpcm: «Ennesima decisione a sorpresa»

Il presidente facente funzioni della Regione Calabria spiega come dalla conferenza delle regioni arrivi la scelta di porti in contrapposizione a quanto fatto «in modo sordo e cinico» dal governo

Spirlì Regione

CATANZARO «Ancora una volta il governo decide “a sorpresa” e senza ascoltare prima la voce delle Regioni, e, quindi, degli italiani». Lo scrive, sul suo profilo Facebook, il presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì. «L’ennesimo dpcm – prosegue Spirlì – vuole impedire, nei giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno, lo spostamento dei cittadini fra Comuni della stessa regione. Le famiglie non potranno riunirsi per le feste più importanti dell’anno. Un Dpcm che non recepisce nessuna indicazione fra le tante proposte dalle Regioni. La Conferenza delle Regioni dunque – conclude il presidente ff della Regione Calabria – decide di porsi in netta contrapposizione a un governo sordo e cinico»





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto