«I ritardi del Por calabrese finanziano l’occupazione al Nord»

REGGIO CALABRIA Con un’interrogazione a risposta scritta al presidente della Regione, Oliverio, il consigliere regionale del Pd, Carlo Guccione, ha sollevato il problema della spesa delle risorse dei Piani di…

REGGIO CALABRIA Con un’interrogazione a risposta scritta al presidente della Regione, Oliverio, il consigliere regionale del Pd, Carlo Guccione, ha sollevato il problema della spesa delle risorse dei Piani di azione e coesione (Pac) di pertinenza della regione Calabria.
«Il Sud e la Calabria – scrive Guccione – sono stati la locomotiva finanziaria per il bonus occupazionale e per la copertura dello sgravio contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato relative al periodo 2015-2018 per come era previsto nella legge di stabilità 2015. L’Agenzia di coesione ha prelevato le risorse non ancora oggetto di impegni giuridicamente vincolati alla data del 31 dicembre 2014 dai Piani di azione e coesione i cui interventi sono concentrati prioritariamente nelle quattro regioni dell’area convergenza dei fondi strutturali (Calabria, Campania, Sicilia e Puglia) e, dai fondi a disposizione della Calabria, sono stati prelevati 373 milioni di euro. Nella nuova legge di stabilità 2016, all’articolo 109, è riportato espressamente che le risorse già destinate agli interventi del Piano di azione e coesione (Pac) non ancora oggetto di impegni giuridicamente vincolanti rispetto ai cronoprogrammi approvati (cioè alla aggiudicazione definitiva comprensiva della firma del contratto di appalto) verranno riprogrammate dal governo nazionale così come è avvenuto nell’anno precedente. Le Amministrazioni titolari di interventi dei Pac approvati alla data di entrata in vigore della presente legge inviano, entro il 31 gennaio 2016, al sistema di monitoraggio nazionale i dati relativi alle risorse impegnate e pagate per ciascuna linea di intervento. Entro il 31 marzo 2016 si provvede con le procedure di cui all’art. 4 comma 3 del decreto legge 76/2013 convertito con L. 99/2013 per la riprogrammazione da parte del governo nazionale delle risorse dei Pac regioni convergenza (Calabria, Campania, Sicilia e Puglia) non oggetto di impegni giuridicamente vincolanti».
Alla luce di ciò, il consigliere Guccione chiede di conoscere «il dato del monitoraggio effettuato dalla Regione entro il 31 gennaio 2016 per come previsto dalla legge di stabilità 2016 e se – e in che misura – le risorse del Pac Calabria verranno riprogrammate, entro il 31 marzo 2016, dal governo nazionale per come già avvenuto nell’anno precedente con 373 milioni di euro di risorse del Pac Calabria che sono stati impiegati per finanziare il bonus occupazionale utilizzato in gran parte dalle regioni del Centro nord mentre la Calabria è stata la regione tra le più penalizzate dai ritardi. Si chiede inoltre – conclude Guccione – di conoscere la cifra delle risorse Pac che saranno riprogrammate perché prive di impegni giuridicamente vincolanti per come previsto dalla legge di stabilità 2016 e che il governo nazionale utilizzerà nuovamente per la copertura economica del bonus occupazionale».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto