Occupazione giovanile, al via il bando da 5,8 milioni

CATANZARO «Dal Por Calabria circa 5,8 milioni di euro per aumentare l’occupazione dei giovani tramite “Garanzia Giovani”. Sul portale Calabria Europa è disponibile la versione definitiva dell’avviso pubblico (e il relativo…

CATANZARO «Dal Por Calabria circa 5,8 milioni di euro per aumentare l’occupazione dei giovani tramite “Garanzia Giovani”. Sul portale Calabria Europa è disponibile la versione definitiva dell’avviso pubblico (e il relativo decreto di approvazione) per la realizzazione delle misure di presa in carico, colloquio individuale e profiling, consulenza orientativa e accompagnamento al lavoro». È quanto comunica, in una nota, la giunta regionale che segnala come «possono partecipare al presente avviso come soggetti proponenti i Centri per l’Impiego regionali, i soggetti accreditati ai servizi per il lavoro che finora hanno operato in via sperimentale nell’attuazione del programma “Garanzia giovani” e i soggetti accreditati ai servizi per il lavoro inseriti nell’apposito elenco regionale».
«Le linee di intervento – si legge ancora nella nota – sono destinate ai giovani, anche cittadini di Paesi Ue o extracomunitari con permesso di soggiorno, di età compresa tra i 15 e i 29 anni che hanno aderito al programma Garanzia Giovani e che posseggono i requisiti di ammissibilità al programma».
«Sulle politiche attive – afferma il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio – per i giovani abbiamo destinato importanti risorse del Por 2014-20 perché è la nostra priorità. Con questo bando vogliamo infatti coinvolgere e rendere consapevoli i tanti ragazzi che non hanno mai lavorato o che si trovano in uno stato di inattività. Nuove opportunità li aspettano e la Regione consoliderà percorsi professionali che garantiranno il conseguimento di contratti a tempo determinato e indeterminato».
Secondo quanto riportato nel comunicato, «la disponibilità finanziaria si suddivide così: quasi 300mila euro sono destinati alle azioni di presa in carico, colloquio individuale e profiling, consulenza orientativa; 5,5 milioni di euro invece sono impiegati per l’inserimento occupazionale dei giovani neet».
Per quanto concerne le modalità di svolgimento, la scelta delle misure è concordata tra il soggetto accreditato e il giovane. Il giovane sceglie il soggetto accreditato nell’ambito dell’offerta regionale dei servizi e il soggetto accreditato è tenuto ad accettare e prendere in carico il giovane che l’ha scelto.
«Le domande di partecipazione – comunicano dalla giunta – dovranno essere compilate on line, accedendo, previa registrazione, dal sito http://www.regione.calabria.it/calabriaeuropa sull’apposita piattaforma informatica a partire dal trentesimo giorni (30°) successivo alla pubblicazione sul BURC dell’avviso.
La data di chiusura per la presentazione delle domande sarà stabilita dal dipartimento Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali in relazione alla disponibilità delle risorse finanziarie.
Tutti i dettagli e la documentazione – conclude la nota – sono disponibili sulla pagina del bando raggiungibile al seguente link: http://calabriaeuropa.regione.calabria.it/website/bando/338/index.html».

13,5 MILIONI PER I TIROCINI EXTRA-CURRICULARI È stato inoltre pubblicato l’avviso della Regione Calabria che, con un impegno di 13,5 milioni di euro a valere sul Por Calabria Fesr/Fse 2014-2020 Asse 8 Ob 8.1 Azione 8.1.1, si propone di individuare i soggetti interessati e idonei ad ospitare e a promuovere tirocini extracurriculari, anche in mobilità geografica, con l’obiettivo di avvicinare i giovani al lavoro e di contrastare il fenomeno Neet – né occupati, né studenti, né coinvolti in attività di formazione.
Il bando, infatti, è finalizzato alla raccolta delle manifestazioni di interesse dei soggetti ospitanti e dei soggetti promotori allo scopo di attivare la misura 5 “Tirocinio extra- curriculare, anche in mobilità geografica” quale azione concreta di contrasto alla crisi economica e alle difficoltà di inserimento occupazionale dei giovani calabresi facilitando le scelte professionali e l’occupabilità nelle transizioni tra scuola e lavoro. I percorsi di tirocinio extra-curriculari, che si configurano come percorsi di orientamento al lavoro e di formazione in situazioni produttive e aziendali, si rivolgono a soggetti di età compresa tra i 18 e i 29 anni e rientrano nell’ambito del Programma nazionale Garanzia Giovani. I tirocini dovranno avere una durata massima di 6 mesi, estendibile a 12 per i disabili e le persone svantaggiate.
L’avviso specifica i requisiti e le indennità previsti per i tirocinanti, le caratteristiche ed il ruolo dei soggetti ospitanti, le modalità e le procedure per l’attivazione della misura. Prevede, inoltre, che il tirocinio si svolga sulla base di una convenzione tra soggetto promotore e soggetto ospitante, cui va allegato un progetto formativo per ogni tirocinante, per formalizzare impegni, obblighi e responsabilità delle due parti.
I tirocini possono essere promossi da: Azienda Calabria Lavoro; Servizi per l’Impiego; i soggetti accreditati per l’erogazione dei servizi per il lavoro; gli istituti di istruzione universitaria, statali e non statali, abilitati al rilascio di titoli accademici; le istituzioni scolastiche, statali e non statali, che rilasciano titoli di studio con valore legale; Fondazioni di Istruzione Tecnica Superiore (ITS); i centri pubblici di formazione professionale e orientamento; le comunità terapeutiche, gli enti ausiliari, le cooperative sociali iscritte negli albi regionali; i Parchi nazionali e regionali della Regione Calabria; le istituzioni formative private non aventi scopo di lucro; i servizi di inserimento al lavoro per disabili gestiti da enti pubblici delegati dalla Regione; i soggetti autorizzati all’intermediazione dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ai sensi del d.lgs. 150/2015 e s.m.i.; Agenzia Nazionale per le politiche attive del lavoro (ANPAL).
Ad ospitare i tirocini possono essere, invece, persone fisiche o giuridiche, di natura pubblica o privata.
Le domande di partecipazione all’avviso dovranno essere compilate on line, previa registrazione sull’apposita piattaforma informatica, sul sito http://www.regione.calabria.it/calabriaeuropa. Per accedere alle agevolazioni i soggetti ospitanti, unitamente alla domanda di partecipazione, dovranno presentare una scheda di fabbisogno aziendale. Il soggetto promotore, a seguito all’esito positivo dei controlli di completezza e di conformità dei dati dichiarati, riceverà dal sistema informativo una comunicazione di accettazione riportante i servizi concordati e l’identificativo del progetto.
La partecipazione al bando sarà possibile a partire dal trentesimo giorno successivo alla pubblicazione sul BURC.
«Sosteniamo un complesso di misure – ha dichiarato il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio – che hanno l’obiettivo di creare concrete opportunità occupazionali per i giovani calabresi e che rappresentino, al contempo, anche un momento di crescita personale e professionale. L’avviso, che oggi pubblichiamo dopo un congruo periodo di pre-informazione utile per i beneficiari per conoscere contenuti e modalità di partecipazione, ci consente di avviare percorsi che mettano i giovani calabresi nelle condizioni di avvicinarsi al mondo del lavoro, capirne le dinamiche e comprendere quali siano le proprie attitudini e aspirazioni personali. Una crescita sana del territorio non può prescindere dalla realizzazione di valide politiche occupazionali capaci di rispondere efficacemente alla impellente fame di lavoro e che siano aderenti alle caratteristiche del tessuto produttivo calabrese».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto