«Stiamo facendo il possibile per salvare la Provincia di Vibo»

VIBO VALENTIA «Come ho più volte messo in evidenza, di recente, non si può uscire dalla sera alla mattina da uno stato di default economico-finanziario, ci sono dei tempi tecnici…

VIBO VALENTIA «Come ho più volte messo in evidenza, di recente, non si può uscire dalla sera alla mattina da uno stato di default economico-finanziario, ci sono dei tempi tecnici e burocratici da rispettare. Ribadisco, comunque, con forza che la Provincia di Vibo Valentia ha fatto, negli ultimi mesi, un significativo balzo in avanti, in quanto sono state attuate tutte le misure possibili per risanare, in tempi ragionevoli, i conti dell’ente. Pertanto, non riesco a capire questo allarmismo e sono sconcertato per le deleterie strumentalizzazioni di varia natura poste in essere».
Così il presidente della Provincia di Vibo Andrea Niglia replica alle recenti polemiche sullo stato finanziario dell’ente intermedio da lui presieduto. «Il ruolo istituzionale che ricopro mi impone di chiarire ai cittadini vibonesi come realmente stanno le cose – ha aggiunto Niglia -. Documenti alla mano posso asserire che, dopo ben cinque anni, per la prima volta sono stati ripartiti dal Governo dei fondi alle Province. Somme che naturalmente non risolvono nell’immediato tutte le problematiche ma che, comunque, creano i presupposti per far ripartire le attività dell’ente».
Niglia sostiene dunque che la Provincia di Vibo «avrà a disposizione, a breve, gran parte delle somme stanziate per il 2018, ovvero: 1 milione e 522mila euro, provenienti dalla ripartizione dei fondi previsti per le Province in dissesto e predissesto (tra il 2018 e il 2020, saranno a disposizione 4milioni e 566mila euro); 1 milione e 200mila euro, provenienti dalle somme stanziate dalla Legge 205 del 2017 (articolo 1 – comma 838); 572mila euro, come prima tranche dei finanziamenti provenienti dal Ministero delle Infrastrutture per la viabilità (fondi che nei prossimi 5 anni ammonteranno a 7milioni e 732mila euro); 2milioni e 800mila euro, provenienti dai trasferimenti nazionali annui, attinti dalle Province dal Fondo sperimentale di riequilibrio».
«Per la prima volta, poi, la Provincia di Vibo Valentia, al 31 dicembre 2017, ha regolarizzato la quota annua del pagamento dei mutui contratti con la Cassa Depositi e Prestiti con il Credito sportivo e con la Banca Nazionale del Lavoro, ha pagato parte dei buoni pasto ai dipendenti, nonché tutte le spettanze stipendiali dovute, compresa la tredicesima. L’ente – prosegue Niglia – ha inoltre richiesto, nei giorni scorsi, l’anticipazione di cassa al Tesoriere. Istanza, quest’ultima, che come assicuratomi al telefono dalla dottoressa Alessandra Trevisan, responsabile enti locali della Monte dei Paschi di Siena, sarà positivamente deliberata entro mercoledì 14 febbraio».
Nelle prossime ore, poi, partirà anche «la richiesta al Ministero dell’Interno di un’anticipazione del 50% del Fondo sperimentale di riequilibrio che potrebbe far giungere nelle casse dell’ente, nell’arco di pochi giorni, 1milione e 400mila euro».
Il presidente Niglia e il neo segretario generale, Mario Ientile, hanno quindi convocato, per lunedì prossimo, un’apposita riunione con i responsabili provinciali della Funzione pubblica di Cgil, Cisl e Uil. «Stiamo, dunque, lavorando su più fronti e siamo convinti che alla fine tutto andrà per il meglio. In questo momento di difficoltà sono in stretto contatto con sua eccellenza il prefetto di Vibo, Guido Longo, che ringrazio sentitamente – ha chiosato Niglia – per non aver mai fatto mancare il suo alto e prezioso apporto per la risoluzione delle delicate problematiche che ci siamo trovati ad affrontare nel corso di questi ultimi mesi».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto