Agricoltura, pubblicati due nuovi bandi del Psr

Il dipartimento Agricoltura e Risorse agroalimentari comunica che sul sito internet www.calabriapsr.it sono stati pubblicati due nuovi bandi del Psr Calabria 2014/2020, entrambi relativi alla Misura 16, “Cooperazione”. Si tratta in particolare…

Il dipartimento Agricoltura e Risorse agroalimentari comunica che sul sito internet www.calabriapsr.it sono stati pubblicati due nuovi bandi del Psr Calabria 2014/2020, entrambi relativi alla Misura 16, “Cooperazione”. Si tratta in particolare dei bandi dell’intervento 16.3.1, “Cooperazione tra piccoli operatori per organizzare processi di lavoro in comune e condividere impianti e risorse nonché per lo sviluppo/la commercializzazione di servizi turistici inerenti al turismo rurale”, e dell’intervento 16.4.1 “Cooperazione di filiera, orizzontale e verticale, per la creazione e lo sviluppo di filiere corte e mercati locali”, entrambi con scadenza fissata per il prossimo 23 aprile (le domande devono essere presentate sul portale Sian). 
In entrambi i casi le aggregazioni dovranno sottoscrivere un accordo di cooperazione che dovrà essere regolarmente registrato e  saranno rappresentate da un soggetto capofila che assumerà la responsabilità del progetto e che, in caso di positiva selezione, rappresenterà l’unico beneficiario dell’intervento e l’unico referente presso la Regione.
Il primo bando, 16.3.1, è rivolto a partenariati che comprendano almeno due soggetti tra “piccoli operatori” del settore agricolo, forestale, della filiera agroalimentare e della filiera turistica ed è finalizzato a favorire forme di cooperazione innovative tra le piccole imprese, mediante l’adozione di soluzioni di compartecipazione e di condivisione delle risorse e dei fattori produttivi. «Il Psr – si legge in una nota dell’Ufficio stampa della giunta regionale – mira dunque a migliorare la posizione dei soggetti collaboranti sui mercati di riferimento ed al raggiungimento di economia di scala, attraverso progetti finalizzati ad organizzare processi di lavoro in comune e condividere locali di produzione e/o di commercializzazione ed impianti di lavorazione, anche attraverso l’utilizzo delle tecnologie e dei servizi innovativi (ICT)». La dotazione finanziaria dell’intervento, per l’annualità 2018, è di 2,5 milioni di euro.
Il bando dell’intervento16.4.1 è rivolto ad aggregazioni tra almeno due soggetti tra diversi operatori del settore agricolo, delle Pmi operanti nel settore della trasformazione agroalimentare, della commercializzazione dei prodotti agroalimentari, dei servizi di ristorazione e gestori di mense pubbliche. 
La finalità dei progetti di cooperazione deve riguardare progetti che si dimostrino in grado di comporre la filiera corta, anche all’interno di micro-distretti a forte caratterizzazione qualitativa dei prodotti, tra cui anche i biodistretti, sia aggregando i produttori primari e migliorandone l’apertura e la posizione sui mercati, che sostenendo verticalmente la filiera, potenziando la distribuzione nell’ambito di mercati locali. La dotazione finanziaria dell’intervento, per l’annualità 2018, è di 2 milioni di euro.
«Molto importanti questi bandi del Psr – ha affermato il consigliere regionale delegato all’Agricoltura, Mauro D’Acri – in quanto sostengono la diversificazione, la creazione e lo sviluppo di piccole imprese, nonché l’occupazione. Attraverso le risorse del Programma di Sviluppo Rurale si intende favorire la creazione di una nuova imprenditorialità nei settori più innovativi ed a migliorare la qualità della vita delle popolazioni, contribuendo a fermare lo spopolamento delle aree rurali. Non da ultimo – ha aggiunto D’Acri – con questi bandi si punta a dare impulso a forme di cooperazione innovative, rivolte alla creazione, allo sviluppo ed alla promozione di filiere corte e di mercati locali».  







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto