Sacal, il pm ribadisce la richiesta di rinvio a giudizio per 19 imputati

Si è tenuta l’udienza preliminare del procedimento scaturito dall’inchiesta “Eumenidi”. In due optano per l’abbreviato

LAMEZIA TERME Nel corso dell’udienza preliminare che si è tenuta lunedì pomeriggio, il pm Marta Agostini ha ribadito la richiesta di rinvio a giudizio per tutti gli imputati coinvolti nel procedimento “Eumenidi” su presunti illeciti commessi all’interno della precedente amministrazione della società Sacal spa che gestisce l’aeroporto di Lamezia Terme. Davanti al gup Rossella Prignani, si sono associate alle richieste del pm Marta Agostini anche le parti civili: Sacal spa, il Comune di Lamezia e la Regione Calabria. I reati contestati agli imputati sono, a vario titolo, corruzione, peculato, falso, abuso d’ufficio e concussione.
Diciassette sono gli imputati che stanno affrontando l’udienza preliminare: Massimo Colosimo 52 anni di Catanzaro; Ester Michienzi 46 anni di Catanzaro; Pierluigi Mancuso 61 anni di Catanzaro; Sabrina Mileto 47 anni di Pizzo; Angela Astorino 59 anni di San Pietro a Maida; Luigi Silipo 64 anni di Catanzaro;  Floriano Noto 59 anni di Catanzaro; Giuseppe Vincenzo Mancuso 44 anni di Lamezia Terme; Vincenzo Bruno 58 anni di Vallefiorita; Giuseppe Mancini 65 anni di Catanzaro; Floriano Siniscalco 47 anni di Girifalco; Bruno Vincenzo Scalzo 49 anni di Conflenti; Gianpaolo Bevilacqua 49 anni di Lamezia Terme; Marcello Mendicino 54 anni di Falerna; Pasquale Clericò 67 anni di Montepaone; Ferdinando Saracco 52 anni di Catanzaro; Pasquale Torquato, 59 anni di San Mango D’Aquino. Dopo la discussione del pm ha depositato documenti e chiesto sentenza di non luogo a procedere l’avvocato Lucio Canzoniere e dopo di lui ha discusso il legale Domenico Zaffina. L’udienza preliminare proseguirà il prossimo 14 giugno.
Sono tre gli imputati che hanno chiesto, lo scorso 16 maggio, di essere giudicati con il rito abbreviato: l’ex sindaco Paolo Mascaro (accusato di abuso d’ufficio in concorso) che aveva già preannunciato questa scelta, Giuseppe Gatto e Francesco Buffone. Per le loro posizioni l’udienza è stata fissata al prossimo 25 giugno. Posizione stralciata per Emanuele Ionà, per difetto di notifica nel corso della conclusione indagini, per lui si attende la fissazione di una nuova udienza preliminare. (aletru)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto