Tutto pronto per “Felici&Conflenti”

Dal 22 al 27 luglio al via la Festa di Comunità più grande della Calabria centrale. In programma workshop, incontri, performance, escursioni e concerti

CONFLENTI È iniziato il conto alla rovescia per la Festa di Comunità più grande della Calabria centrale che dal 22 al 27 luglio animerà il borgo di Conflenti.
Nato con il fine di studiare, condividere e trasmettere la cultura coreutica e musicale dell’area del Reventino – Savuto, Felici & Conflenti propone per l’edizione 2019 un ampio cartellone che spazia dalla musica alla gastronomia, dai workshop agli incontri, dalle performance ai concerti alle escursioni.
In 6 giorni ben 6 i laboratori dedicati ad apprendere strumenti, canti e danze della tradizione; 6 gli incontri teorici; 2 concerti – Canto Antico in “Polifonie Metropolitane” e Rrosa Trio con “Canti e sentimento nella tradizione musicale e vocale del Mediterraneo”; 3 i laboratori dedicati ai bambini – Nella tribù dello Yoga a cura di Jessica D’amato, CartapestiAMO a cura di Ammàno e il Laboratorio di terracotta a cura di Ideart Squillace – nonché escursioni giornaliere con Conflenti Trekking per vivere il territorio a trecentosessanta gradi. E ancora allestimenti, spettacoli e installazioni con Kalura meridionalismo, arte popolare di strada e la mostra fotografica Photocunti “Risvegli”, una residenza artistica fotografica cura di Cleto Festival. Tra le iniziative proposte anche il laboratorio di Cucina Sociale del Reventino e Radio Ntinna, la radio ufficiale di Felici & Conflenti che seguirà tutti gli eventi. Una settimana di pura condivisione tra danzatori, musicisti, ricercatori, scrittori, comunità, turisti, appassionati e portatori della tradizione che fa della convivialità un momento di trasmissione orizzontale dei saperi, in cui l’oralità ha un ruolo fondamentale.
La Festa di Comunità di Conflenti è anche evento di turismo responsabile e culturale fondato sul contatto diretto col territorio e la collaborazione con realtà associative, sociali, agricole ed economiche dell’area. Un’occasione unica per riscoprire, tramite il contatto diretto, i suoni di una cultura musicale viva. Tra gli incontri in prima nazionale la presentazione del libro del giornalista di Repubblica Francesco Erbani “L’Italia che non ci sta. Viaggio in un paese diverso” edito da Einaudi. Il viaggio in Italia di Erbani racconta le realtà di chi non si rassegna e organizza da sé il futuro, un viaggio che dalle valli venete arriva fino in Calabria per ritrarre la realtà di Felici & Conflenti. A dialogare con l’autore, giovedì 25 luglio alle 17.00, l’antropologo Vito Teti e dal giornalista Antonio Cavallaro.
Continuano i viaggi per l’Italia, precisamente in Sicilia, con “Viaggio tra i suoni di Sicilia, dalla musica dei pastori a quella delle sale da barba”, l’incontro con Salvatore Vinci, Giorgio Maltese, Pasqualino Cacciola ed Elisa Messina.
A parlarci di cultura Arbëreshë sarà Nicola Scaldaferri, etnomusicologo di fama internazionale, ricercatore e docente all’Università degli Studi di Milano durante l’incontro “La polifonia femminile dei paesi Arbëreshë” che vedrà la partecipazione del gruppo “Lule Sheshi” di San Costantino Albanese.
Ancora appuntamenti con la cultura musicale del meridione: “La trasmissione del canto e del suono in una pratica performativa integrata” a cura di Anna Maria Civico e la proiezione del docufilm di Danilo Gatto, il racconto di una famiglia di Sant’Andrea Apostolo dello Jonio, suonatori di zampogna dalla fine dell’800, che da ben 5 generazioni porta avanti questa tradizione anche se oggi lontano dalla propria terra perché emigrati in Piemonte.
In serata spazio cene e grandi feste con i suonatori del Reventino accompagnati di volta in volta da ospiti diversi, dai danzatori e musicanti di San Mango d’Aquino a quelli siciliani, dai suoni di Alessandria del Carretto di Antonio Arvia alla Croatian Bagpipes Band, dalla banda Pilusa ai Giganti di Sorianello.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto