«Ma la legge sui vitalizi regionali è ancora ferma in commissione»

A poche ore dal taglio deciso dalla Camera, il consigliere Giudiceandrea parla di «interessi di bottega» che hanno impedito l’approvazione della norma in Calabria. «Potevamo essere i primi, ma andiamo avanti»

REGGIO CALABRIA «Leggo le agenzie Ansa battute in queste ore riguardo i festeggiamenti dell’onorevole Di Maio, davanti alla Camera dei deputati, per la riduzione dei vitalizi agli ex parlamentari ottenuta grazie all’applicazione del metodo contributivo. Devo rilevare che per ritardi non dovuti ai firmatari della norma, né al
gruppo di lavoro nominato dal presidente Irto, la normativa regionale calabrese avente il medesimo oggetto è ancora ferma in prima commissione». È quanto afferma il consigliere regionale Giuseppe Giudiceandrea a poche ore dall’approvazione, nell’Ufficio di presidenza della Camera dei deputati, della norma che taglia i vitalizi degli ex parlamentari.
«Ho chiesto e ottenuto dal presidente Franco Sergio che alla prossima commissione, calendarizzata per il 18 luglio prossimo – spiega il consigliere di Dp –, la norma sulla riduzione dei vitalizi degli ex consiglieri regionali calabresi, che calcolerà i vitalizi con il metodo contributivo, sarà finalmente rimessa all’ordine del giorno. Voglio ringraziare Giovanni Nucera che si sta impegnando strenuamente in questa battaglia di civiltà così come Greco e Tallini, che tanto si stanno spendendo per il raggiungimento del risultato, nonché il presidente Franco Sergio che, resistendo a forti pressioni, ha deciso di far proseguire l’iter che porterà all’approvazione della norma anche in Calabria».
«Potevamo essere per una volta i primi invece – conclude Giudiceandrea –, per meri interessi di bottega, approveremo la norma in seconda battuta rispetto al Parlamento italiano. Tuttavia resta la soddisfazione di essere stati lungimiranti e dalla parte giusta».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto