«Pronti ad ospitare Mimmo Lucano»

L’opposizione nel consiglio comunale di Catanzaro, compreso il Pd, avanza la richiesta di dare la cittadinanza onorario al sindaco di Riace. Appelli anche da Cinquefrondi e Amaroni

Michele-Conia

CATANZARO «A Mimmo Lucano sia data la cittadinanza onoraria di Catanzaro». E’ quanto hanno chiesto ufficialmente otto consiglieri comunali dell’opposizione al sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo. La richiesta, protocollata questa mattina e indirizzata anche al presidente del Consiglio comunale, è stata avanzata da Gianmichele Bosco e Nicola Fiorita (“Cambiavento”), Sergio Costanzo, Fabio Celia e Cristina Rotundo (“Fare per Catanzaro”), Lorenzo Costa e Libero Notarangelo (Pd) e Roberto Guerriero (“S&D”). Nella richiesta di conferimento della cittadinanza onoraria di Catanzaro i consiglieri del centrosinistra evidenziano che Lucano è «un benefattore dell’umanità e simbolo di una Calabria accogliente, solidale e terra di pace»: si rimarcano poi il « pieno rispetto del lavoro della magistratura a cui è demandato il compito di accertare», ma anche la «convinzione che il bene per il prossimo non sempre sia valutabile dalla mera azione giudiziaria».

«CINQUEFRONDI PRONTA AD OSPITARLO» «Spero che presto Mimmo Lucano – ha dichiarato Michele Conia, sindaco di Cinquefrondi – possa tornare nella sua Riace perché capisco quanto nessun posto possa sostituire il luogo dove ha vissuto, agito e dato tutto se stesso, ma finché questo non sarà possibile il mio comune è pronto ad ospitarlo perché se Cinquefrondi è “il comune dei diritti” non possiamo che essere orgogliosi di ospitare un uomo che ha dato tutto se stesso per dare diritti ad altri».

«AMARONI È CON MIMMO LUCANO» «All’indomani della decisione del Tribunale del Riesame di Reggio Calabria che ha concesso la libertà all’amico e sindaco di Riace, Mimmo Lucano, è il momento – ha affermato Arturo Bova, consigliere regionale e presidente della commissione antindrangheta – delle azioni e di sostenere in questo momento di difficoltà e sconforto. Perché, se da un lato il Tribunale ha revocato gli arresti domiciliari, dall’altro ha imposto a Lucano il divieto di dimora a Riace. Prima di ogni altra iniziativa pubblica e politica, sento perciò il dovere di offrire a Mimmo Lucano l’ospitalità di Amaroni, il mio paese. Una proposta condivisa con il sindaco di Amaroni, Luigi Ruggiero, e che troverà il forte consenso di un’intera comunità che sarebbe fiera e felice di abbracciare Mimmo. Amaroni è con Mimmo Lucano».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto