In Calabria l’innovazione che fa crescere i talenti

Da 20 anni il provider integrato Entopan offre alle startup servizi di consulenza ma non solo. Il presidente: «Costruiamo progetti non solo per aumentare i profitti ma per creare valore»

CATANZARO Ingegneri informatici, comunicatori, designer, avvocati, pianificatori, architetti e anche qualche filosofo. Sono questi i soggetti che confluiscono in Entopan, un provider integrato di innovazione che da circa 20 anni offre servizi di consulenza ma non solo. La storia della startup nata e sviluppata in Calabria, per l’esattezza a Catanzaro, è raccontata dall’inserto Corriere economia del Corriere della sera. Il provider integrato del capoluogo calabrese raccoglie startup e imprese che, anche se presentano solo un’idea, vengono accompagnate nel loro percorso di studio e di elaborazione.
«Siamo una realtà di riferimento nel Mezzogiorno – spiega al quotidiano Francesco Cicione, presidente e fondatore di Entopan -. Costruiamo progetti e processi lunghi di innovazione per creare valore, che non è sempre rivolto a massimizzare i profitti ma a generare comunità, coinvolgendo soggetti privati di rilievo internazionale». Ad oggi sono circa 50 i collaboratori all’interno del provider integrato con strutture sinergiche con le Università della Calabria e della Magna Graecia che riescono, senza l’aiuto di finanziamenti pubblici, ad attirare nella nostra regione player dell’innovazione globale che vogliono investire per far crescere il Sud. Tra le ultime collaborazioni c’è quella con la Fondazione Bruno Kessler, Fondazione Giacomo Brodolini ed Oltre Open Innovation Hub (braccio operativo operativo di Entopan) che ha dato vita alla call «Innovare in rete» di Banca etica, che ha deciso di finanziare progetti per un investimento complessivo di 10 milioni di euro. Innovazione del processo ma anche innovazione sociale ed ambientale. Alla chiamata hanno risposto oltre 350 candidati con idee e proposte che toccano diverse aree d’interesse: come la fabbrica digitale dell’agricoltura, l’edilizia sostenibile, l’energia, il welfare o la robotica. «Dopo la valutazione tecnica, ogni progetto riceverà tra i 100mila e i 70mila euro di finanziamento». Tra i progetti, infine, anche la nascita, sempre a Catanzaro, della prima Scuola di Alta formazione di Open Innovation che sarà inaugurata il prossimo 31 gennaio.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto