“Onda calabra animalista” chiese un piano di prevenzione del randagismo

Sit-in di varie associazioni davanti alla sede della Regione. «Il nostro è un appello al senso di civiltà»

CATANZARO Varie associazioni animaliste stanno inscenando un sit-in davanti alla sede della Regione per chiedere un piano straordinario di prevenzione del randagismo. A illustrare le richieste delle associazioni è stata Viviana Tarsitano, responsabile di movimento “Onda Calabra animalista”, movimento spontaneo che raggruppa le associazioni: «Chiediamo al commissario ad acta della sanità calabrese e a tutti gli enti interessati dalla gestione del fenomeno di dichiarare lo stato di emergenza in Calabria. La situazione – ha sostenuto la Tarsitano – è davvero grave perché il randagismo sta creando problemi per la sicurezza delle persone, per la sicurezza della circolazione stradale, per l’igiene pubblica, per l’ambiente e anche per il turismo». La responsabile di “Onda Calabra animalista” ha quindi aggiunto: «Il nostro vuole essere anche un appello improntato al senso di civiltà. Da anni stiamo facendo educazione nelle scuole e a livello istituzionale ma è un lavoro che non ci compete, essendo volontari: le istituzioni devono farsi carico di questo fenomeno, e per noi è assolutamente necessario che le istituzioni mettano in campo strumenti, come la sterilizzazione e microcippatura, fondamentali per la prevenzione, che – ha concluso Viviana Tarsitano – l’unica strategia utile ad affrontare il fenomeno del randagismo».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto