Denunciato per aver aggredito una donna, rischia il pestaggio

Un 44enne è stato identificato dai carabinieri come aggressore. Ma i militari hanno dovuto salvarlo dalla vendetta dei familiari della 55enne. Quattro arresti ad Amaroni per violenza e resistenza a pubblico ufficiale

AMARONI Nel tardo pomeriggio di mercoledì il personale della Compagnia Carabinieri di Girifalco è intervenuto ad Amaroni nell’abitazione di una 55ennne. La chiamata al 112 segnalava un’aggressione in atto ai danni della donna da parte di un uomo. Giunti sul posto i militari hanno trovato però in casa la sola donna che, ancora provata, raccontava l’episodio consentendo alla pattuglia di individuare il presunto aggressore, I. B. 44enne, celibe, impiegato.
Lo stesso è stato rintracciato poco dopo nella sua abitazione e sottoposto a controllo. Nel frattempo la casa dell’uomo è stata raggiunta da diversi parenti della vittima (almeno otto) che, nonostante la presenza dei Carabinieri, hanno aggredito I. B. con calci e pugni. Nel tentativo di impedirne il linciaggio, i militari sono stati a loro volta colpiti dal gruppo inferocito riportando lievi contusioni.
La pronta reazione della pattuglia, anche grazie all’intervento di altri militari giunti in aiuto, ha consentito di bloccare il gruppo scongiurando ulteriori conseguenze. Gli aggressori sono stati condotti in caserma. Per quattro di loro – I.F. (59enne, commerciante), I.G. (35enne, imprenditore), I.R. (34enne, operaio), O.G. (32enne, operaio) – tutti di Amaroni, si è proceduto all’arresto per i reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale con le aggravanti delle lesioni e la presenza di più persone.
Gli stessi sono stati sottoposti agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto. La vicenda scaturisce da dissidi risalenti nel tempo che hanno trovato nell’aggressione alla donna la scintilla che ha fatto scoppiare una vero e proprio raid punitivo nei confronti dell’impiegato. Sono ancora in corso ulteriori attività per accertare le responsabilità penali degli altri soggetti coinvolti.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto