Lotta ai tumori, a Rotterdam lo studio diagnostico del “Pugliese-Ciaccio”

Il lavoro di Radiologia ha avuto l’attenzione del 36mo Congresso europeo di risonanza magnetica: «Testimoniano l’impegno della struttura nella ricerca»

CATANZARO «La Radiologia dell’Azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio ha portato il proprio contributo scientifico al 36mo Congresso europeo di risonanza magnetica (ESMRMB), tenutosi a Rotterdam, dal 3 al 5 ottobre. Pier Paolo Arcuri, dirigente medico presso la Sod Radiologia De-Lellis, ha visto il suo lavoro scientifico, frutto della stretta collaborazione con il reparto di Radioterapia diretto dalla dottoressa Mazzei e con la Radiologia dell’università Magna Graecia, essere accettato (unico per la nostra regione), e da lui stesso presentato, a tale importante assise internazionale». Lo rende noto l’Azienda. «Lo studio – prosegue la nota – ha analizzato, retrospettivamente, le potenzialità diagnostiche e prognostiche della risonanza magnetica, nel follow-up di pazienti affetti da tumore del retto, trattati mediante radioterapia con lo scopo di rilevare tempestivamente eventuali recidive loco-regionali; in particolare sono state individuate le sequenze di risonanza maggiormente sensibili nel definire i pazienti responder rispetto al quelli non-responder al trattamento radioterapico. Tali risultati, che testimoniano l’impegno profuso dal personale dell’Azienda Pugliese-Ciaccio, anche in ambito scientifico, nonostante le indiscusse difficoltà in cui operano, si traducono, per l’utenza, in un miglioramento dei percorsi diagnostico-terapeutici che ha, come ultimo fine, la “personalizzazione” del trattamento di un’entità nosologica dall’incidenza in aumento, quale, appunto, il tumore del retto».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto