C’è una villetta (mezza) abusiva tra Aiello e la candidatura per il M5S

Cause e ricorsi a Carlopoli per una costruzione del docente universitario. Di Maio: «Ho letto la notizia. Aspetto chiarimenti»

ROMA «Ho letto come voi la notizia, aspetto chiarimenti». Così il capo politico del M5s e ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, risponde ai cronisti, a margine di una iniziativa a Napoli, che gli chiedono commenti sulle indiscrezioni di stampa circa la villa parzialmente abusiva del candidato M5s alle Regionali in Calabria, Francesco Aiello. Di Maio si riferisce alla pubblicazione, da parte di Repubblica, della notizia delle due cause – una al Tar, l’altra al Consiglio di Stato – che riguardano la costruzione, da parte del candidato designato dal M5S, di una villetta parzialmente abusiva a Carlopoli. La vicenda si trascina dagli anni 80, tra cause intentate dal Comune di Carlopoli e ricorsi avanzati dalla famiglia del docente universitario. Per ora la giustizia amministrativa ha dato torto ad Aiello. Ma la villetta rimane lì. E potrebbe costituire un ostacolo per la sua candidatura.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto