Edizione 2019 del Festival d’autunno, spettatori da tutta Italia

L’appuntamento annuale della manifestazione catanzarese ha ottenuto unanimi consensi da parte di esperti del settore e dal pubblico. A Catanzaro un appuntamento per tracciare il bilancio dell’evento. Il direttore artistico, Tonia Santacroce: «Il successo lo decreta il pubblico»

di Maria Rita Galati
CATANZARO Se si pensa al Festival D’Autunno, tra i più riusciti e longevi eventi culturali della regione, l’aggettivo che salta in mente da associare a quello che è diventato un brand nel settore è “affidabilità”: quella che deriva da una programmazione di qualità, che non cambia in corso d’opera, che unisce lo spessore della manifestazione con la riuscita organizzazione. A sostenere questa tesi è prima di tutto la Regione Calabria che ha “premiato” il Festival diretto da Antonietta Santacroce, vincitore del bando triennale dei grandi eventi . Un aggettivo che torna nel corso della conferenza stampa di chiusura della XVII edizione, tenuta questa mattina nella sala conferenze della Camera di Commercio di Catanzaro, alla presenza oltre che del direttore artistico Santacroce, del padrone di casa Daniele Rossi, anche di Salvatore Bullotta, responsabile amministrativo dell’Assessorato alla Cultura della Regione Calabria, e del vice sindaco e assessore alla Cultura del Comune di Catanzaro, Ivan Cardamone.
E proprio Salvatore Bullotta ha definito il Festival d’Autunno come «uno dei frutti migliori di questo bando». Portando i saluti dell’assessore alla Cultura, Maria Francesca Corigliano, impegnata in una iniziativa a Vibo, Bulotta ha parlato di una rassegna «solida, che qualifica i beni culturali e la cui programmazione è costruita con criterio».
Del resto, persino la Rai – programmando tre serate dedicate ai grandi cantautori Fabrizio De Andrè, Lucio Dalla, Lucio Battisti – ha evidenziato la lungimiranza della direzione artistica del Festival che quest’anno è stata dedicata al tema Cantautori e dintorni – L’irrinunciabile forza delle parole. La conferenza stampa è stata aperta da un trailer che ha cercato di sintetizzare le emozioni di un cartellone che, dal 14 settembre al 15 novembre, ha proposto nella città di Catanzaro ben 16 appuntamenti tra grandi concerti ed eventi culturali. Una conferenza stampa nel corso della quale la Santacroce ha tirato le somme dell’evento concluso con un altro sold out, passando in rassegna i momenti salienti del Festival, a cominciare dal concerto gratuito Woodstock 50 anni di pace, amore e musica con il giornalista Ezio Guaitamacchi e le cantanti Brunella Boschetti Venturi e Andrea Mirò. Dopo aver ricordato l’altro evento gratuito nella splendida cornice di Villa Margherita con il critico Paolo Talanca e i giovani cantanti calabresi che hanno ripercorso la storia del cantautorato italiano, il direttore artistico ha posto l’accento sui cinque grandi concerti del Politeama, partendo da una constatazione per evidenziare la grande qualità degli artisti presenti. Lucio Dalla, Fabrizio De André e Lucio Battisti, sono i tre cantautori che il Festival ha omaggiato con spettacoli che hanno coinvolto il pubblico. Il primo con la straordinaria interpretazione di Ron; il secondo con Cristiano De André che, a mio avviso, ha saputo cogliere appieno lo spirito poetico del padre, valorizzando i grandi successi con un arrangiamento che strizza l’occhio all’elettronica; l’ultimo con il duo Gianmarco Carroccia-Mogol e un’orchestra di 16 elementi che hanno esaltato e divertito il pubblico. «Il successo lo decreta il pubblico – ha detto Antonietta Santacroce -. Le cinquemila presenze al Politeama per i cinque concerti in cartellone sono il segno che il Festival d’Autunno gode di ottima salute e che la proposta di quest’anno è riuscita ad intercettare le aspettative dei catanzaresi e non solo».
Molto apprezzati anche i concerti di Luca Carboni, «cantautore capace di restare sulla cresta dell’onda dopo essere stato un assoluto protagonista degli anni 80/90», e quello della cantantessa Carmen Consoli «che ha presentato le sue canzoni in una versione rock capace di accendere il pubblico del Politeama». «La cosa di cui vado fiera – ha commentato ancora Santacroce – è che abbiamo visto un teatro pieno di giovani. Ciò significa che se la proposta è di qualità, i giovani rispondono presente e che il loro orizzonte musicale è molto più vasto di quello che si crede».
SPETTATORI DA OGNI PARTE D’ITALIA E infatti i dati sulla provenienza degli spettatori rivelano che il 50% dei posti del teatro sono stati occupati dai residenti nel capoluogo di regione. La restante parte è arrivata dalle altre città calabresi ma anche dalle regioni limitrofe se non, addirittura, dalla Lombardia e dalla Svizzera. «Questo perché – ha proseguito – la capacità del Festival di programmare per tempo il cartellone, presentato a luglio, consente di dare un’informazione capillare sugli eventi in calendario, evitando di dover aggiungere o sottrarre appuntamenti come succede in altre rassegne. Ciò consente a chi arriva da fuori, di potersi organizzare con tutta tranquillità con importanti ricadute economiche per il territorio in un periodo di bassa stagione».
DAL RICORDO DI WOODSTOCK AI GRANDI CANTAUTORI «Siamo stati gli unici, in Calabria, ad omaggiare il festival rock più famoso della storia, ancora oggi punto di riferimento in tutto il mondo. E’ stata un’anteprima che attraverso le parole music, peace and love, ha sposato il mio intento di dare al connubio musica-parola un significato più ampio. Il tutto esaltato da una location, la terrazza del complesso monumentale “San Giovanni”, che resta tra i luoghi più suggestivi della nostra città e che, come mission del Festival, vogliamo riempire di contenuti, così come altri luoghi del centro storico che, a mio avviso, hanno grandi potenzialità per ospitare eventi». A proposito della Terrazza, Santacroce ha sottolineato le difficoltà affrontate nell’organizzare il concerto in quello spazio che già due anni fa era stato negato per ospitare tutto il cartellone del Festival. «E’ davvero un peccato incontrare continui cavilli burocratici per sfruttare quell’area: ma io sono tenace – ha detto – e certo non mi arrendo».
GLI EVENTI CULTURALI SULLA FORZA DELLA “PAROLA” Infine un passaggio anche sui tanti eventi culturali, tutti incentrati sulla parola: «Abbiamo indagato il ruolo della parola nella poesia, con un magnifico reading dei versi di Pietro Santacroce con gli attori del Teatro di Calabria; ci siamo interrogati sull’importanza della parola nell’ambito della comunicazione giornalistica coinvolgendo le principali testate regionali; abbiamo parlato di radio con Gianfranco Valenti e gli speaker locali; abbiamo cercato di capire quale sia il rapporto tra parola, giovani e fede con la presenza di un grande formatore com’è Pippo Corigliano. Abbiamo chiuso il cerchio con una conferenza, quella del neuroscienziato Antonio Cerasa, che ci ha fatto comprendere come le parole influenzano nel bene e nel male la nostra vita. Inoltre, ha proseguito, abbiamo dato l’opportunità ai fans di Luca Carboni e Ron di conoscere i loro idoli, partecipando a delle master class molto interessanti che hanno consentito un confronto diretto con gli artisti». Il tutto, ha sottolineato ancora Santacroce, valorizzando le realtà locali e quelle location del centro storico della città di Catanzaro che ben si prestano ad ospitare queste iniziative.
UN BRAND CHE RENDE ONORE ALLA CALABRIA Il presidente della Camera di Commercio, Daniele Rossi, ha definito il Festival d’Autunno «un brand affidabile che rende onore alla Calabria. Infine l’intervento dell’assessore alla Cultura del Comune di Catanzaro, Ivan Cardamone, che ha ricordato come l’Amministrazione abbia voluto istituzionalizzare il Festival «proprio perché ne abbiamo sempre apprezzato la valenza culturale della sua offerta». E sulla Terrazza del complesso “San Giovanni”, l’assessore ha dichiarato che tra qualche settimana dovrebbero concludersi i lavori di completamento dell’intera area. «Poi – ha aggiunto – vedremo di realizzare la terza via di fuga, fondamentale per l’organizzazione di eventi con una buona partecipazione di pubblico». E da gennaio 2020 al lavoro per la prossima edizione, quella maturità: il Festival d’Autunno il prossimo anno diventa maggiorenne. (redazione@corrierecal.it)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto