Rogo al Tonnina’s pub di Catanzaro, in Appello 6 anni a Gennaro Fiorentino

Il gestore è stato condannato per incendio doloso e la morte di due persone esecutrici materiali del rogo. La decisione dopo l’istanza del difensore dell’accusato che aveva chiesto di rideterminare la pena

CATANZARO La Corte d’Appello di Catanzaro ha rideterminato la pena nei confronti di Gennaro Fiorentino a 6 anni di reclusione. In primo grado, in sede di rito abbreviato, Gennaro Fiorentino, 48 anni, era stato condannato a 9 anni e 5 mesi di reclusione per i reati di incendio doloso e morte come conseguenza di un altro delitto.
L’accusa è quella di essere il mandante dell’incendio che la notte tra il 4 e il 5 aprile 2018 ha quasi interamente distrutto il pub Tonnina’s di Catanzaro Lido, del quale l’imputato era gestore, e ha causato la morte di Giuseppe Paonessa ed Eugenio Sergi, esecutori materiali del rogo. Un calcolo della pena tecnicamente errato secondo il difensore di Fiorentino, l’avvocato Eugenio Perrone, che ha fatto ricorso in Appello e ha chiesto la rideterminazione della pena, in concordato con la Procura generale.
Martedì la Corte d’Appello ha accolto l’istanza di concordato presentata dalla difesa e dal sostituto procuratore generale Luigi Maffia e ha rideterminato la pena a 6 anni di reclusione. (aletru)





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto