Processo sui fondi per il teatro, in due scelgono l’abbreviato

La dirigente regionale Tallarico e il componente della commissione di valutazione Gaetano dovranno comparire davanti ai giudici il prossimo 12 giugno. Regione e due associazioni teatrali ammesse come parti civili. L’indagine della Procura di Catanzaro ha coinvolto anche Adriana Toman, compagna dell’ex governatore Oliverio. Secondo l’accusa avrebbero turbato il procedimento per l’affidamento di contributi destinati al settore

di Alessia Truzzolillo
CATANZARO In due hanno chiesto il rito abbreviato nel procedimento istruito dalla Procura di Catanzaro sulla presunta illecita gestione dei fondi da destinare al teatro. Si tratta di Sonia Tallarico, 61 anni, dirigente generale del dipartimento regionale “Turismo e beni culturali, istruzione e cultura” e Giacinto Gaetano, componente della commissione di valutazione per fondi da destinare ai teatri. Per loro il procedimento proseguirà il prossimo 12 giugno. Le accuse contestate sono turbata libertà degli incanti, con riguardo all’assegnazione del contributo per la realizzazione di iniziative culturali, da finanziare nell’anno 2016, nell’ambito della selezione indetta dal dipartimento regionale “Turismo e beni culturali, istruzione e cultura”, e di turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, con riguardo all’affidamento, da parte del dipartimento regionale “turismo e beni culturali, istruzione e cultura”, nell’anno 2017, di contributi gravanti sul fondo unico cultura.
Per gli imputati che non hanno chiesto riti alternativi – Adriana Toman, 61 anni, accusata di entrambi i reati commessi «sfruttando la posizione goduta in seno alla Regione Calabria per essere la compagna del presidente della Regione Gerardo Mario Oliverio»; Antonio Sicoli, 71 anni, critico d’arte, direttore del Maon, Museo d’arte dell’Otto e Novecento di Rende”; Gianclaudio Festa, coordinatore dell’avvocatura regionale; Dario Borruto, avvocato dell’Avvocatura regionale; Pasquale Giorgio Piraino, Angela Rotella, (rispettivamente presidente e componenti della commissione di valutazione); Marco Silani, direttore artistico della compagnia “Porta Cenere” – l’accusa ha ribadito la richiesta di rinvio a giudizio. L’udienza per la decisione del gup è stata fissata per il prossimo 23 marzo.
PARTI CIVILI Ammesse le parti civili: la Regione Calabria e le associazioni Officina Teatrale (riconosciuta persona offesa) e Dracma (in veste di associazione danneggiata e portatrice di interessi collettivi). Entrambe le associazioni, rappresentate dall’avvocato Michele Gigliotti, avevano denunciato la presunta mala gestio dei fondi per il teatro. Nel corso della discussione il difensore di Dario Borruto aveva presentato eccezione per la costituzione della parte civile dell’associazione Dracma perché non sarebbe stata portatrice di interessi diffusi. Tesi respinta dal gup Antonio Battaglia che ha accolta la tesi dell’avvocato Gigliotti secondo la quale la Dracma, essendo residenza artistica, è riconosciuta dal MIbact ed è portatrice di interessi diffusi. L’avvocato di Festa, Leonardo Maria, ha presentato documentazione difensiva con un parere pro veritate redatto dal professore Franco Scoca del foro di Roma.
LE ACCUSE Secondo le accuse formulate dalla Procura di Catanzaro – titolari del fascicolo sono il pm Veronica Calcagno e il procuratore aggiunto Vincenzo Capomolla – Toman, Tallarico e Sicoli avrebbero turbato il procedimento per l’affidamento di contributi gravanti sul Fondo unico cultura, eludendo l’affidamento di tali contributi tramite avviso pubblico, come previsto dalla legge. In particolare, a godere della somma di 20mila euro, direttamente affidata, sarebbe stato il Centro per l’arte e la cultura “Achille Capizzano”, diretto da Antonio Sicoli. Tutto sarebbe partito da un «accordo collusivo» tra la Toman e Sicoli. La prima aveva chiesto al direttore artistico il materiale di una mostra sui futuristi, già organizzata da Sicoli, al fine di proporre al Moma di New York di creare un collegamento tra gli artisti calabresi e l’esposizione al Maon di Rende. In cambio la compagna di Oliverio avrebbe segnalato il direttore artistico e la sua struttura alla dirigente Tallarico, organizzando anche incontri negli uffici della Regione durante i quali Sicoli avrebbe chiesto alla dirigente dei contributi per l’organizzazione di alcune mostre, concordando, infine, la cifra di 20mila euro. La somma, affidata senza alcun avviso pubblico ma con decreto dirigenziale, era diretta al Centro “Achille Capizzano” per la realizzazione della mostra “Maon Art Hub la Calabria dal primo 900 ad oggi”. Il tutto, stando alle accuse, in barba alla legge regionale 15 del 2009 che prevede che i contributi del Fondo Unico Cultura devono essere affidati, mediante un programma annuale, con l’adozione di uno o più avvisi pubblici.
Secondo le indagini condotte dal Nucleo di Polizia economico finanziaria della Guardia di finanza di Catanzaro – cristallizzate nel reato di turbata libertà del procedimento di scelta del contraente – Sonia Tallarico, Gianclaudio Festa, coordinatore dell’avvocatura regionale, Dario Borruto, avvocato dell’Avvocatura regionale, Pasquale Giorgio Piraino, Angela Rotella, e Giacinto Gaetano (rispettivamente presidente e componenti della commissione di valutazione) su «istigazione» della Toman e con il concorso morale di Marco Silani, direttore artistico della compagnia “Porta Cenere”, avrebbero turbato la selezione indetta per la realizzazione di iniziative culturali relativa ai circuiti teatrali, suddivisi per Area Nord, Centro e Meridionale.
Per l’area Centro era risultata assegnataria di un contributo di 220mila euro l’Associazione culturale “Officina Teatrale”. Secondo l’accusa, «su impulso di Adriana Toman, investita della questione da Marco Silani» la commissione di valutazione aveva accolto l’istanza di rivalutazione del punteggio assegnato ai vincitori. Il contributo veniva così definitivamente assegnato all’associazione di Silani. Allo scopo venivano interessati Festa e Borruto affinché l’Avvocatura regionale rendesse un nuovo parere che si mostrava contrario ad ammettere l’istanza di rivalutazione presentata da “Officina Teatrale”. Allo stesso tempo, la dirigente Tallarico, in accordo con la Toman, «attraverso plurimi contatti con la Commissione di valutazione, definiva i contenuti della nota da inviare all’Avvocatura regionale» facendo sì che su quest’ultima pesasse la «responsabilità della decisione che la Commissione si limitava a recepire» per assegnare i 220mila euro a “Porta Cenere”. Nel collegio difensivo gli avvocati Sergio Rotundo, Massimo Petrone, Leonardo Maria, Anna Vatrano, Francesco Gambardella, Carlo Morace, Rita De Aloe e Ida Mannarino. (a.truzzolillo@corrierecal.it)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto