Coronavirus, Abramo chiede invio ospedale da campo a Catanzaro

Il sindaco ha avanzato la richiesta di una struttura per pazienti no covid per alleggerire gli ospedali

CATANZARO Una tensostruttura da utilizzare come ospedale da campo di almeno 40 posti letto per supportare i due ospedali del capoluogo e quattro o cinque nuove autoambulanze: è la richiesta che il sindaco di Catanzaro Sergio Abramo ha avanzato, “con urgenza”, inviando una lettera al capo del Dipartimento nazionale di Protezione civile Angelo Borrelli, al presidente nazionale della Croce rossa italiana Francesco Rocca, e al responsabile dell’ispettorato nazionale del Corpo militare volontario di Croce rossa Gabriele Lupini.
«La tensostruttura campale del Corpo militare volontario della Cri – afferma Abramo – verrebbe destinata ai pazienti non Covid per consentire ai due centri Covid-19 del Pugliese-Ciaccio e del Policlinico Mater Domini di aumentare la dotazione di posti letto riservati ai contagiati dal coronavirus. Muoversi in fretta è fondamentale per evitare che un ulteriore incremento dei malati di Covid-19 aggravi i problemi del sistema sanitario di Catanzaro», ha aggiunto il sindaco che ha voluto ringraziare «il Presidente del Consiglio dell’Ordine Distrettuale degli Avvocati di Catanzaro, Antonello Talerico, per aver velocizzato il più possibile il percorso che ha portato all’invio di questa richiesta». «I malati di Covid hanno ormai superato quota 700 – ha scritto Abramo – varie ordinanze regionali hanno disposto la chiusura di alcuni Comuni diventati focolai, allo stato attuale si registra l’impossibilità di individuare altre strutture sanitarie nel breve periodo». Tutto questo comporta l’evidente «necessità dell’installazione di un ospedale da campo da almeno 40 posti letto per ricoverare i cosiddetti soggetti non Covid e sgravare gli Hub territoriali».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto