Coronavirus, «ispezioni del ministero in tutte le case di cura calabresi»

Santelli rilancia l’intenzione del viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri dopo il caso di Chiaravalle. «Doveroso rassicurare famiglie e cittadini sulle condizioni in cui vengono accuditi gli anziani»

CATANZARO La dichiarazione del viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri è di qualche giorno fa. Accanto al caso del Pio Albergo Trivulzio di Milano e a quelli altre case di cura, il ministero ha deciso di andare a fondo sulla strage degli anziani di Chiaravalle, sulla quale è stata aperta un’inchiesta dalla Procura di Catanzaro. «Abbiamo deciso di mandare gli ispettori – aveva detto Sileri – all’Oasi di Troina, dove ci sono stati problemi con pazienti disabili. Alla Fontanella di Soleto, in provincia di Lecce. E a Chiaravalle, vicino a Catanzaro, dove ci sono stati dieci morti e c’è un’indagine aperta dalla procura».
Oggi, la presidente della giunta regionale Jole Santelli accoglie con favore l’annuncio e va oltre, chiarendo che la situazione calabrese sarà approfondita. Il ministero, infatti, valuta di allargare le ispezioni a tutte le residenze sanitarie assistenziali della Calabria.
«Alla luce di quanto accaduto nelle scorse settimane in diverse strutture che ospitano anziani – dice Santelli in una nota –, è doveroso rassicurare le famiglie e i cittadini e sincerarsi delle condizioni in cui queste persone, a volte anche particolarmente fragili, vengono accudite. Lo è ancora di più nel contesto di emergenza sanitaria che stiamo attraversando».
«Ringrazio il vice ministro Sileri per aver voluto approfondire la situazione calabrese accogliendo una richiesta che avevo personalmente caldeggiato nel corso del nostro ultimo incontro», conclude la governatrice. Sileri ha visitato la Calabria nella scorsa settimana.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto