Narcotraffico milionario per la cosca Mancuso, comminate 13 condanne

Pene dai 20 anni agli otto mesi per la cellula criminale legata al clan di Limbadi. Secondo l’accusa gli imputati riuscivano a comprare la cocaina a 8mila dollari al chilo e a rivenderla a 46mila euro al chilo

CATANZARO Tredici condanne per la cellula criminale legata ai Mancuso accusata di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti, aggravata dalle modalità mafiose e detenzione di armi. Il gup del Tribunale di Catanzaro Matteo Ferrante ha condannato Giuseppe Accursio a 4 anni e 8 mesi di reclusione; Giovanni Battaglia a 8 mesi; Daniele Bosco a 5 anni; Gianfranco Carugo, 4 anni, 10 mesi, 20 giorni; Francesco Carmelo Ceravolo a 20 anni; Carlo Cuccia a 9 anni e 8 mesi; Giorgio Mariani a 9 anni e 8 mesi; Tonino Mazzaferro a 20 anni; Gina Forgione, 6 anni e tre mesi; Ivo Menotta a 10 anni, 2 mesi e 20 giorni; Pantaleone Perfidio a 8 mesi; Santo Tucci a 3 anni e 10 mesi, Emanule Mancuso, 3 mesi. 
Secondo l’accusa – rappresentata in aula dal pm Annamaria Frustaci – il gruppo era riconosciuto sul mercato tanto da essere punto di riferimento per l’approvvigionamento di cocaina anche per altri clan come i Mazzaferro di Gioiosa. Il traffico di cocaina con il Venezuela era milionario, secondo l’accusa gli imputati riuscivano a comprare la cocaina a 8mila dollari al chilo e a rivenderla a 46mila euro al chilo. Un rincaro pesante che andava a rimpinguare le casse – già notoriamente ricchissime – della ‘ndrangheta calabrese, in particolare della cosca Mancuso.
Nel collegio difensivo gli avvocati Giovanni Merante, Anna Marziano, Giovanni Vecchio, Marco Lacchin, Giuseppe Bagnato, Francesco Capria. (ale. tru.)





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto