Delitto Pagliuso, annullata (con rinvio) l’ordinanza per il presunto mandante

Decisione della Corte di Cassazione. Sulla posizione di Luciano Scalise dovrà esprimersi nuovamente il Tribunale della Libertà di Catanzaro

CATANZARO La Corte di cassazione ha annullato con rinvio l’ordinanza con cui il Tribunale della libertà di Catanzaro aveva rigettato la richiesta di revoca dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip distrettuale del capoluogo calabrese a carico di Luciano Scalise, di 41 anni, accusato di essere stato il mandante dell’omicidio dell’avvocato Francesco Pagliuso, di 43 anni, avvenuto a Lamezia Terme il 9 agosto del 2016. La decisione è stata presa in accoglimento del ricorso presentato dai difensori di Scalise. Scalise, imprenditore edile ma accusato dalla Dda di Catanzaro di essere un esponente della ‘ndrangheta, resta comunque detenuto con l’accusa di associazione per delinquere di tipo mafioso contestatagli nell’ambito dell’operazione “Reventinum”, eseguita nel gennaio scorso. Dell’esecuzione materiale dell’omicidio dell’avvocato Francesco Pagliuso è accusato Marco Gallo, di 33 anni, presunto killer di professione, tuttora detenuto.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto