Taglio abusivo di 2,5 ettari di faggeto nel Lametino, una denuncia

A scoprire l’abuso i carabinieri forestali. L’intera area e il materiale abusivamente tagliato sono stati sequestrati

LAMEZIA TERME Taglio abusivo di alberi di alto fusto di faggio, di rilevante pregio ambientale, su una superficie boscata estesa circa 2,5 ettari nel Lametino. A scoprirlo in Località Piano d’Agli i carabinieri delle stazioni forestale di Lamezia Terme e Nocera Terinese unitamente ai militari della stazione carabinieri di Martirano Lombardo.
In particolare i militari, nel corso degli ordinari servizi, individuata l’area interessata dal taglio, hanno proceduto alla verifica dell’esistenza dei nulla osta necessari e, accertata l’insussistenza, hanno provveduto ad eseguire gli accertamenti e i rilievi di rito, anche tramite i servizi del SIM (sistema informativo della montagna), hanno denunciato un uomo che anche è proprietario del bosco stesso ritenuto un responsabile del taglio abusivo.
Complessivamente sono state tagliate abusivamente senza il preventivo nulla-osta paesaggistico ambientale e il nulla osta idrogeologico, da una prima stima visiva, circa 500 piante di alto fusto di faggio. L’area interessata dal taglio è vincolata sia paesaggisticamente che idrogeologicamente.
Tutta la superficie boscata è stata sottoposta a sequestro unitamente alle piante tagliate ancora presenti nell’area e a un cumulo di legna già depezzata pronta per essere impiegata nei caminetti domestici, e posta a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto