Prestiti al 121% di interessi, la Procura di Lamezia chiede il processo

L’imputato Carmelo Furci è accusato anche di detenzione armi ed esplosivi. Nelle perquisizioni i militari della guardia di finanza sequestrarono anche un ordigno e 165mila euro in contanti

LAMEZIA TERME La Procura della Repubblica di Lamezia Terme ha chiesto il rinvio a giudizio di Carmelo Furci, di 48 anni, imputato nell’operazione “Buitre malo” per usura continuata a danno di cinque vittime, detenzione di esplosivi, detenzione illegale di armi clandestine e munizioni, ricettazione e spaccio di sostanze stupefacenti. L’udienza davanti al gup è stata fissata per il 22 settembre prossimo.
Furci era stato arrestato il 12 novembre scorso dai finanzieri del Nucleo mobile del Gruppo di Lamezia Terme, in esecuzione di un’ordinanza emessa dal gip Emma Sonni su richiesta del procuratore della Repubblica Salvatore Curcio e del sostituto Giuseppe Falcone. Per l’accusa l’uomo avrebbe prestato denaro a due commercianti per un ammontare complessivo di 100mila euro al tasso di interesse del 121% annuo e per ottenere la restituzione del denaro li avrebbe minacciati di morte.
Nel corso delle operazioni per l’arresto, i finanzieri, durante una serie di perquisizioni in appartamenti in uso all’indagato, avevano poi trovato un vero e proprio arsenale, costituito da sette pistole, due revolver e cinque semiautomatiche, tutte funzionanti, oltre a dieci caricatori e 645 munizioni di vario calibro, oltre sette quintali di artifizi pirotecnici di varia categoria, ed un ordigno esplosivo costruito artigianalmente del peso di circa ottocento grammi di elevata potenzialità lesiva.
Nella circostanza gli investigatori trovarono anche 167mila euro in contanti, dei quali 165mila suddivisi in 31 “mazzette” confezionate “sottovuoto”, nascoste in un intercapedine di un mobile e 12 grammi di marijuana ed indumenti in dotazione alla polizia penitenziaria.
Dopo l’arresto di Furci, la Guardia di finanza ha effettuato accertamenti patrimoniali a conclusione dei quali è stato disposto il sequestro preventivo, finalizzato alla confisca, di due autovetture e disponibilità finanziarie per un valore complessivo di oltre 300mila euro.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto