«Una legge per la valorizzare le castagne calabresi»

La proposta di Franco Laratta rilanciata dal consigliere regionale delegato all’Agricoltura Mauro d’Acri in un incontro a Fagnano Castello

FAGNANO CASTELLO «La castagna ritorni centrale nell’economia agricola della nostra regione». Dopo oltre un decennio di gravissime difficoltà, il comparto vuole ripartire. A Fagnano Castello l’assemblea regionale dell’associazione “castagne di Calabria”, presieduta da Giulio Tarsitano, ha visto la presenza di tanti sindaci, esperti, docenti universitari, imprenditori. Tutti con la voglia e l’ansia di ritrovarsi, ripartire, ridare ossigeno ad una storia, quella delle castagne di Calabria che ha tanta voglia di continuare e pesare di più nell’economia calabrese.
Forte e condivisa la proposta dell’ex parlamentare Franco Laratta, attualmente nel Cda di Ismea, che si occupa proprio di agricoltura livello nazionale, che ha chiesto l’approvazione di «una legge regionale in difesa e a sostegno del comparto delle castagne di Calabria. Senza una legge ad hoc il comparto avrebbe grandissime difficoltà a ripartire».
Proposta ripresa dal consigliere regionale con delega all’agricoltura, Mauro D’Acri, che intende farla propria, insieme alla proposta di ottenere il marchio Igp “‘Nzerta di Calabria”, una varietà di castagna che viene considerata una vera e propria eccellenza.
Su questo si sono positivamente espressi sia Giulio Tarsitano che il presidente della “cooperativa castagne di Fagnano”, Mario Rogato.
Il marchio di qualità Igp “‘Nzerta di Calabria”, potrebbe ridare la possibilità al comparto di riprendersi, di avere una valenza regionale più forte, di esportare un prodotto di notevole qualità.
Nel corso del confronto è stato chiesto da più parti di difendere con energia i castagneti, in quanto risorsa per la difesa idrogeologica, paesaggistica gastronomica nutrizionale, mentre da anni è minacciato da un massiccio prelievo di biomassa dovuto alla domanda sostenuta di combustibili vegetali.
La nutrizionista Federica Barbieri ha parlato delle benefiche proprietà nutrizionali della castagna, con riferimento ad un progetto di ricerca tra la Regione Calabria, la Cooperativa Produttori Castagne di Fagnano Castello, il Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica dell’Università di Firenze – Aou Careggi, l’Associazione Regionale Apicoltori Calabresi e l’Arsac. Si tratta di uno Studio Pilota di integrazione nutrizionale a basa di castagna per il trattamento della malnutrizione nei pazienti oncologici, visto che dal 30 al 70% dei pazienti oncologici presentano uno stato di malnutrizione per difetto o sono a rischio di malnutrizione.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto