A Camigliatello gli incontri sul turismo montano

Successo per la prima edizione dell’iniziativa organizzata da Confcommercio Cosenza assieme a “Destinazione Sila”. Algieri: «Siamo tutti in gioco»

COSENZA «Si può fare turismo montano? Si può soprattutto fare sintesi tra enti, addetti ai lavori, strutture, guide e cittadini? Domande a cui si è data finalmente una risposta concreta nel primo giorno di Itms, ovvero gli “Incontri di turismo montano e sostenibile” che ha organizzato “Destinazione Sila”, in collaborazione con Confcommercio Cosenza, presso il Centro Visite Cupone a Camigliatello Silano, in provincia di Cosenza». È quanto riporta una nota di Confcommercio Cosenza.
«L’evento – si legge ancora nel comunicato – è stato una sorta di prova di lancio per gli Stati generali del turismo. L’obiettivo principe? Riunire, tutti insieme, le esperienze di questi anni per dare una svolta attesa dai più».
«Un momento di crescita – ha sostenuto Daniele Donnici, presidente di “Destinazione Sila”- per gli operatori del settore turistico montano del sud Italia, e della Calabria in particolare, e, al tempo stesso, un’occasione di incontro tra domanda e offerta turistica». «Gli “Incontri di turismo montano e sostenibile” – ha detto ancora Donnici – offrono opportunità di incontro, confronto, aggiornamento e formazione sulle tematiche del turismo montano per gli addetti ai lavori, con un focus specifico sullo sviluppo del turismo in un contesto in cui gli aspetti della responsabilità del territorio, della tutela e della sostenibilità si incrociano con le opportunità di sviluppo. Il dibattito che si svilupperà nell’ambito dell’evento darà l’opportunità di analizzare i cambiamenti in atto nel turismo, per meglio comprendere le evoluzioni del settore e approfondire la conoscenza delle soluzioni più innovative ed efficaci».
Dello stesso avviso Klaus Algieri, presidente di Confcommercio Cosenza che si legge nella nota «prima di tutti ha intuito le potenzialità della kermesse ed ha consentito agli organizzatori di dare il via».
«Posti meravigliosi, siamo tutti in gioco – ha sostenuto a proposito dell’iniziativa -. Nessuno degli imprenditori ha indicato il loro nome, albergatori, ristoratori, tour operator, anche in concorrenza, si sono ritrovato tutti sotto le stesse ed uniche insegne. Questa è la prima vittoria».
Sono intervenuti anche i sindaci di Spezzano Sila, Monaco, e San Giovanni in Fiore, Belcastro. Tra di loro l’assessore del capoluogo bruzio, Rosaria Succurro, che ha tracciato il filo conduttore ideale dei territori, da Cosenza alle pendici di monte Botte Donato.
«Nell’ambito degli “Incontri di turismo montano e sostenibile –prosegue la nota – spazio anche all’appuntamento per il turismo intermediato (B2B – business to business), finalizzato a favorire l’incontro professionale tra operatori della domanda (tour operator, agenzie di viaggio, consulenti turistici, ecc.) e dell’offerta del settore turistico, un marketplace per sviluppare relazioni e collaborazioni».
«Hanno fattivamente apportato il loro contributo – è detto ancora – nelle tre sezioni di lavoro, il direttore del parco nazionale della Sila Giuseppe Luzzi, Rino Vitelli, Antonio Nicoletti, Francesco Aiello, Roberto Mazzà, Marcello Squicciarini e poi, ancora, Albino Carli, Antonio Candalise, Sergio Cagol, Sebastiano Venneri, Luciano Martino, Gianluca Di Lonardo. Ed infine Annalisa Romeo, Gianfranco Ciola, Beatrice Stanganelli, Mario Coscarello, Milly Tucci, Maurizio De Luca, Giuseppe Naccarato, Noemi Guzzo, Simona Lobianco, Vincenzo Abbruzzese e Lucia Moretti».
«Tre – conclude la nota – le sezioni e gli argomenti cardine: “Destinazioni turistiche 4.0”, “Prodotti turistici, strategie digitali e comunicazione” e “Lavorare in rete”. “Occorre fare un salto culturale e puntare sulla qualità dei servizi”, questo il messaggio che sintetizza la giornata di Itms, tra formazione, cooperazione e soprattutto sviluppo».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto