La statale 106 miete un’altra vittima: muore un centauro a Mandatoriccio

Scontro auto-moto: il corpo del 36enne Giacomo Capalbo sarebbe stato ritrovato a duecento metri dal luogo dell’impatto. Ferite anche le due persone che viaggiavano sull’altro mezzo. Quarta vittima nel 2020 sulla “strada della morte”

MANDATORICCIO La Statale 106 miete un’altra vittima. Si tratta di un motociclista di 36 anni, Giacomo Capalbo, originario di Torretta di Crucoli. Non si conoscono al momento le dinamiche precise dell’incidente avvenuto dopo dopo le 13,40 di domenica. Il centauro sarebbe stato ritrovato a circa duecento metri dal luogo dell’impatto, il che farebbe presumere l’entità dello scontro con un’auto sulla quale viaggiavano due persone rimaste ferite. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Cariati e i sanitari del 118 che avrebbero costatato il decesso del centauro.
Il megalotto 8 della statale 106 Sibari-Mandatoriccio è teatro di morti da anni per via della pericolosità del percorso, stretto e spesso tortuoso, con una serie infinita di bivi pericolosi e innesti lungo il tracciato.
Giacomo – fa sapere l’associazione Basta Vittime sulla statale 106 – è la quarta vittima della “strada della morte” nel 2020 dopo Thomas Costanzo di 19 anni, deceduto a Borgia il 12 gennaio, Salvatore Mario Orlando di 54 anni, deceduto a Bova Marina il 18 gennaio e Alessandro Luppino di 15 anni, deceduto a Casignana. (lu.la.)





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto