Corigliano Rossano, nuovo caso di coronavirus di “ritorno”

Uno studente universitario di ritorno dalle vacanze in Croazia è stato avverto dall’Azienda sanitaria di Bologna, dove risiede per studio. Attualmente è monitorato dagli uffici dell’Asp ed è in isolamento. Rizzo: «La situazione non sembra preoccupare»

di Luca Latella
CORIGLIANO ROSSANO
Quando si pensava che tutto potesse volgere per il meglio, ecco il primo caso di “ritorno” di coronavirus a Corigliano Rossano. La notizia è di queste ore, si tratta di un ragazzo di 21 anni che è stato in vacanza in Croazia ed avvertito del contagio, di ritorno dal viaggio, dall’Azienda sanitaria di Bologna, dove risiede.
Di origini rossanesi, fuori sede per studio, ha fatto ritorno a casa dei genitori ed i suoi movimenti sono entrati nelle attenzioni anche dell’Asp di Cosenza e di Martino Rizzo, responsabile del Settore Igiene e Sanità pubblica dell’azienda sanitaria per l’area della Sibaritide.
«Si tratta di un 21enne – ha spiegato – che era in vacanza in Croazia. Non ha avuto contatti anche perché è subito stato avvisato dall’Asl di Bologna ed ora si trova a casa sua in isolamento».
Il dottor Rizzo, dopo mille battaglie vinte sul territorio contro il Covid-19 non sembra molto preoccupato. «Non più di tanto – conclude – ma dobbiamo tracciare tutti i contatti del ragazzo e tamponare chi ha incontrato. Non dovrebbe trattarsi di focolaio, se non familiare. Ci aspettavamo qualche caso di ritorno, ma la situazione è sotto controllo». (l.latella@corriercal.it)





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto