Diffamò i Gentile, condannato l’imprenditore Citrigno

Al centro dello scontro legale un’intervista rilasciata a La7 dall’ex editore. Dovrà risarcire il consigliere regionale Pino con mille euro

COSENZA L’ex editore Pietro Citrigno è stato condannato dal Tribunale di Cosenza (giudice Giovanni Garofalo) a mille euro di multa per il reato di diffamazione aggravata a mezzo stampa. Citrigno, nel 2014, intervistato da La7 nella trasmissione “Servizio Pubblico” di Michele Santoro, aveva espresso giudizi ritenuti oggi diffamatori dal Tribunale riguardo alla famiglia dei politici Antonio e Pino Gentile. La frase (che accostava i Gentile alla criminalità organizzata) è stata considerata diffamatoria dai Gentile, che si sono rivolti all’avvocato Guido Siciliano per procedere legalmente contro Citrigno. La Procura aveva chiesto la condanna a 600 euro di multa, per il giudice la cifra giusta è mille euro oltre il pagamento di una provvisionale di 10mila euro oltre le spese legali in favore della parte civile costituita, il consigliere regionale Pino Gentile. Di eventuali danni da liquidare si dicusterà in sede civile.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto