Manifesti, balconi anti leghisti e video virali. Cosenza si prepara a Salvini – VIDEO E FOTO

Cresce la mobilitazione per l’arrivo dell’ex ministro. Contro manifestazione in piazza dei Bruzi mentre aumentano i “messaggi” in città. Ieri qualche tensione in centro. Il leader della Lega su Fb: «Sono nazisti rossi»

COSENZA Il video dell’attivista del collettivo Femin che strappa un manifesto dal banchetto organizzato dalla Lega a Cosenza (con intervento della polizia a sedare gli animi) ormai è un piccolo cult su Facebook e conta migliaia di visualizzazioni. Così tante da aver stimolato una reazione da parte di Salvini in persona. L’ex ministro sarà nella città dei Bruzi martedì, e dalla sua postazione social, monitora una protesta che cresce costantemente e riempie la città di volantini, mentre vanno avanti gli incontri per organizzare una contromanifestazione “dedicata” alla visita dell’ex ministro.

IL POST DI SALVINI Da parte sua, l’ex ministro dell’Interno replica: «Idioti dei centri sociali e presunte “femministe” ieri a Cosenza aggrediscono il gazebo della Lega strappando i nostri manifesti. Complimenti a questi “democratici”… Immaginate se qualcuno della Lega facesse lo stesso con altri, invocherebbero come minimo la protezione dell’Europa e delle Nazioni Unite! Alla faccia dei nazisti rossi che sanno solo odiare, martedì pomeriggio sarò orgogliosamente a Cosenza, appuntamento alle 18.30 al Teatro Morelli. Vi aspetto. Avanti a testa alta!».

LA MOBILITAZIONE Intanto continua la mobilitazione in vista della contromanifestazione che scatterà martedì prossimo alle 17 da piazza dei Bruzi. Agli incontri dal vivo si somma la mobilitazione sul web, con il gruppo Fb “Stutamu Salvini” che in pochi giorni è arrivato a più di 5mila aderenti. Nei giorni scorsi i cartelli “Cosenza non si Lega” sono spuntati sulle porte degli esercizi commerciali assieme a scritte sui balconi, fotografie, meme e video con i quali il fronte anti-sovranista (e non solo) ha chiarito di non gradire la presenza del leader leghista in città. Lunedì, a partire dalle 19, in piazza Valdesi, gli organizzatori della protesta hanno invitato i cittadini «a “intervenire” artisticamente o, più semplicemente, a portare la nostra presenza in piazza» per farsi trovare preparati all’appuntamento del giorno dopo.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto