Salvini a Cosenza, il questore nega l’accesso ai contestatori

Il coordinamento “Stutamu Salvini Cosenza 24 settembre” segnala la decisione di impedire l’ingresso dei manifestanti a piazza dei Bruzi: «Saremo lì per rivendicare il diritto a manifestare»

COSENZA «La Questura vieta la manifestazione in piazza dei Bruzi ai cittadini che in questi giorni stanno dimostrando tutto il loro dissenso nei confronti della passerella pre-elettorale di Matteo Salvini». È quanto comunica, in una nota, “Stutamu Salvini Cosenza 24 settembre”, coordinamento di sigle di associazioni e semplici cittadini che ha annunciato una mobilitazione di dissenso in vista della visita dell’ex vicepremier e segretario della Lega a Cosenza (ne avevamo parlato qui). «La risposta del Questore dottoressa Giovanna Petrocca alla mobilitazione di migliaia di cosentini – denunciano – è un immotivato e provocatorio diniego. Questo prevede la democrazia, a cui fintamente si appellano le istituzioni di questa città?».
Secondo gli organizzatori della manifestazione, «prefetto e questore stanno costruendo una vergognosa e blindata passerella, in vista delle prossime regionali, per il sindaco Mario Occhiuto e Matteo Salvini».
«Non possiamo accettare tutto ciò – affermano -. Con ancor maggiore determinazione rivendichiamo la libertà di manifestare». Da qui l’appuntamento che fissano i responsabili del coordinamento: «Domani scriviamo insieme una pagina importante della Cosenza civile e democratica ritrovandoci, come previsto, tutti e tutte in piazza dei Bruzi alle ore 17 per un corteo colorato, pacifico e determinato».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto