Coronavirus, il Santa Barbara di Rogliano attrezzato per fronteggiare l’emergenza

Sono 28 i posti letto ricavati nell’ospedale del Savuto. Già un primo ricovero è stato effettuato. La scelta è stata imposta per alleggerire la struttura ospedaliera di Cosenza. Ospiterà i pazienti che non hanno bisogno di terapia intensiva

ROGLIANO L’ospedale Santa Barbara di Rogliano, città della valle del Savuto in provincia di Cosenza, è stato attrezzato e da questa mattina ospiterà i degenti meno gravi affetti da Coronavirus. Sono 28 in tutto i posti letto ricavati dal nosocomio roglianese e già una paziente è affidato alle cure dell’equipe medica che lavorerà di raccordo con i colleghi dell’Annunziata per fornire le migliori cure ai pazienti infettati da Covid-19. La scelta di attivare il presidio ospedaliero come dedicato alla cura della malattia che sta mettendo in ginocchio l’intero globo terrestre è stata dettata dal considerevole numero di pazienti e possibili tali che in queste ore sono arrivati all’Annunziata e sono stati sottoposti a tampone i cui esiti determineranno o meno l’infezione.
Nel frattempo, comunque, la direzione ospedaliera si sta attivando affinché anche nell’ospedale si riescano a ricavare ulteriori posti letto. Il numero di 28 pazienti distribuito nei reparti dell’ospedale di Cosenza (tre dei quali in terapia intensiva) potrebbe essere destinato ad aumentare. Salgono intanto a due i decessi registrati, oltre all’informatore medico-scientifico originario di Tarsia deceduto nella mattinata del 19 marzo, oggi, stessa sorte è toccata ad un paziente 79enne originario di Paola.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto