Ritardi negli stipendi, protesta degli addetti alle pulizie del Comune di Cosenza

La ditta appaltatrice del servizio, secondo il sindacato Usb, avanza dall’ente tre mensilità. Sit in davanti alla prefettura: «Noi siamo dipendenti, abbiamo famiglia e la mattina andiamo a lavorare. Dobbiamo sapere quando veniamo pagati»

COSENZA Protesta stamani davanti la Prefettura di Cosenza dei dipendenti della società Ambiente srl, addetti alle pulizie degli spazi comunali. Alla base della manifestazione i ritardi nei pagamenti e l’assenza di presidi di sicurezza idonei. «Una situazione – spiega il sindacato Usb Confederazione Cosenza – che si è ulteriormente aggravata a causa del dissesto finanziario dell’ente comunale». Secondo l’Usb, i vertici aziendali di Ambiente Srl rifiutano il confronto con i dipendenti e con le organizzazioni sindacali, e per questo motivo hanno deciso di proclamare 24 ore di sciopero  e scendere in piazza.
«La ditta – ha detto una delle dipendenti – avanza dal Comune di Cosenza ben tre mensilità. Noi siamo dipendenti, abbiamo famiglia e la mattina andiamo a lavorare. Dobbiamo sapere quando veniamo pagati. Abbiamo lavorato in piena pandemia anche se non abbiamo avuto i dispositivi di protezione. Noi non vogliamo elemosine ma essere pagati puntuali perché lavoriamo. Non possiamo piangere noi i ritardi tra la società e l’Ente perché dobbiamo portare il mangiare a casa per i nostri figli».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto