Nel ricordo di Ferri e Leale. Il primo raduno delle auto d’epoca dei Vigili del Fuoco

Il raduno si é svolto in Piazza dei Bruzi. Presenti il personale del corpo e i funzionari. Bennardo:”Cerimonia che tocca il cuore”

COSENZA Testimoni nel presente di quello che é stato il passato. Con questo spirito i Vigili del Fuoco di Cosenza, su iniziativa del capo squadra Gianfausto Libero Muraca, hanno organizzato il “primo raduno d’auto d’epoca dei Vigili del Fuoco”. In bella mostra su piazza dei Bruzi diverse vetture della bell’epoque italiana. Da quelle prodotte in pieno boom economico dei primi anni 60 ai mezzi più recenti e di produzione straniera. Un parco macchine che con la fantasia ha trasportato i giovani negli anni della dolce vita italiana vista solo su pellicola, agli audulti ha invece riportato alla memoria gli anni della gioventù e delle prime gite fuori porta. Ad abbellire l’esposizione anche una due ruote in dotazione al comando dei Vigili del Fuoco di Cosenza. Il numero 633 sulla targa rende idea di quanto il mezzo sia antico e chicca da collezione. Non solo motori. Il raduno è stato dedicato alla memoria di Bonaventura Ferri e Tony Leale. Entrambi deceduti durante i mesi del lockdown. Le mogli dei due Vigili del Fuoco sono state omaggiate con una targa e un mazzo di fiori e ricordati durante una celebrazione tenuta da padre Alessandro. “É stata una cerimonia molto emozionante e toccante – ha spiegato il comandante provinciale Giuseppe Bennardo -. Ringrazio padre Alessandro per le parole che toccano il cuore delle persone e dei vigili del fuoco. Questa iniziativa abbiamo cercato di legarla alla memoria dei nostri colleghi. I Vigili del Fuoco con il loro vissuto rimangono nella nostra storia e quello che hanno fatto in vita si lega in maniera indissolubile con quelli che facciamo quotidianamente. Siamo qui con delle macchine d’epoca per ricordare la nostra storia. Difendiamo questi valori. Siamo la testimonianza concreta di essere una grande famiglia ed è nostro compito stare insieme a chi ha avuto delle disgrazie”. Oltre al comandante, all’evento hanno partecipato i funzionari e il personale del corpo, oltre ai tantissimi appassionati d’auto d’epoca e curiosi.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto