Coronavirus, deceduto all’Annunziata un paziente di Casali del Manco

Si registra la prima vittima originaria dal comune nel quale domenica la Regione Calabria ha istituito la “zona rossa”. Aveva 73anni e si trovava ricoverato nel reparto di terapia intensiva

OSPEDALE-ANNUNZIATA-COSENZA

COSENZA Una nuova vittima da Covid-19 è stata registrata all’Annunziata di Cosenza. Si tratta di un uomo di 73 anni ricoverato da diversi giorni nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Cosenza. Il paziente, originario di Casali del Manco, comune che dalla mezzanotte di domenica è stato dichiarato zona rossa insieme al confinante Celico, aveva un quadro clinico compromesso ma non è da escludere che l’infezione abbia progressivamente accelerato le cause che lo hanno portato al decesso. Si tratta della 38esima vittima dallo scoppio della pandemia, la prima da quando con l’arrivo dell’autunno i contagi sono vertiginosamente aumentati. Cordoglio è stato espresso anche dall’amministrazione comunale di Casali del Manco guidata dal sindaco Nuccio Martire: «Un grande abbraccio alla famiglia, con la speranza di poterci riabbracciare fisicamente non appena le condizioni sanitarie lo consentiranno». Il primo cittadino ha ribadito la necessità di continuare a rispettare le regole e contenere quanto più possibile i contagi: «All’intera popolazione, l’invito a non abbassare la guardia, soprattutto ora che il mostro invisibile è sempre più vicino».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto