Carabinieri positivi al Covid, test in caserma a Rende e Cosenza

Numerosi potrebbero essere i contagi tra i militari, i sanitari sono al lavoro per tracciare i contatti avuti e circoscrivere la catena del contagio

COSENZA La marcia del contagio da coronavirus continua imperterrita. Non risparmia nessuno, neanche i Carabinieri, categoria di lavoratori che così come nel primo lock down anche in questa seconda ondata di contagi è in prima linea per garantire il rispetto delle regole e in casi estremi come registrato nelle città di Napoli e Roma, a garantire l’ordine pubblico. I sanitari dell’Asp di Cosenza hanno sottoposto a tampone diversi militari seguendo le tracce lasciate dal virus e che permettono di realizzare l’indagine epidemiologica. Una decina sarebbero i Carabinieri per i quali gli esiti del tampone ha avuto risultato positivo ma i numeri potrebbero aumentare nelle prossime ore perché altri tamponi sono in fase di elaborazione. La caserma sulla quale si sono concentrati gli sforzi dei sanitari in questa prima fase è quella di Rende, i controlli sono stati estesi anche al comando provinciale dei Carabinieri, quartier generale dell’arma in provincia dove i militari per motivi di lavoro transitano frequentemente. Già lo scorso mese di marzo, diversi carabinieri in servizio alla caserma di Rogliano (all’epoca dichiarata “zona rossa”) risultarono positivi all’infezione da Coronavirus.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto