Per l’apertura dell’ospedale di San Marco Argentano scende in piazza “Uniti per la nostra Salute”

Si tratta di un comitato spontaneo di cittadini che chiede vengano fatti gli investimenti sul presidio ospedaliero della Valle dell’Esaro affinché venga reso pienamente operativo nelle sue funzioni e nella gestione della pandemia

SAN MARCO ARGENTANO L’emergenza sanitaria e la richiesta di tutela della salute viaggiano di pari passo su tutto il territorio calabrese. I tagli drastici all’intero comparto in 11 anni di commissariamento non hanno combattuto le sacche di inefficienza ma hanno acuito le falle di un sistema che adesso si trova sprovvisto di strutture e di personale medico e paramedico. Le manifestazioni in piazza si rincorrono come un tam tam. E’ toccato anche ai cittadini che vivono nel comprensorio della Valle dell’Esaro dove un comitato spontaneo di cittadine e cittadini il cui nome è “Uniti per la Nostra salute”, scevro da ogni appartenenza politica chiede la tutela del  diritto alla salute e alle cure mediche per l’intero comprensorio.
Nel primo pomeriggio di oggi, si sono ritrovati nel primo sit-in di protesta per chiedere l’apertura degli ospedali dismessi e nello specifico quello di San Marco Argentano spogliato negli anni da tutte le sue funzioni. I membri del comitato chiedono che  vengano spesi gli 8, 5 milioni di euro per la ristrutturazione e l’attuazione della casa della salute oltre all’immediata realizzazione del programma operativo per la gestione emergenza covid e il ripristino di tutti gli ospedali dismessi e già pronti per il riutilizzo.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto