Il grazie del papà di Fabiana: «Il caso dei permessi all’assassino ha colpito le coscienze»

La famiglia della ragazza, ancora sensibilmente scossa, è stata invitata in forma privata in Parlamento da Mara Carfagna e dal ministro della Giustizia Bonafede: «Le istituzioni si stanno adoperando contro un’ingiustizia»

CORIGLIANO ROSSANO Mario Luzzi, papà della 16enne Fabiana, accoltellata e bruciata ancora viva dal fidanzato, con una lettera aperta inviata all’Ansa, ha ringraziato le istituzioni e quanti gli hanno dimostrato vicinanza dopo la protesta per i permessi premio concessi all’assassino della figlia.
«Mi accingo ancora una volta a scrivere una missiva – afferma – malgrado il nostro stato emotivo sia massacrato, per portare a conoscenza dell’opinione pubblica come il fatto gravissimo dei permessi premio concessi all’assassino di Fabiana abbia colpito le coscienze e l’anima di tutti quelli che ne sono venuti a conoscenza. Da parte di tutta la famiglia di Fabiana vogliamo esprimere un sentito e affettuoso ringraziamento a tutte le istituzioni che si stanno adoperando contro questa ingiustizia. A questo riguardo, lo scorso 15 ottobre, siamo stati invitati in forma privata al palazzo del Parlamento dal deputato Mara Carfagna e al palazzo del ministero della Giustizia dal ministro Alfonso Bonafede, rimasti anche loro sbalorditi e atterriti dai fatti avvenuti. Siamo rimasti profondamente colpiti dalla sensibilità e umanità mostrata nei confronti di Fabiana e della nostra famiglia».
«Siamo desiderosi – si legge ancora nella lettera – di esprimere un grazie per quello che hanno fatto e per quello che faranno in merito alla vicenda in questione. Ringraziamo inoltre tutte le persone che con telefonate, messaggi e visite, hanno voluto dimostrarci la loro vicinanza e solidarietà. Chi invece non possiamo ringraziare è il nostro sindaco e la sua giunta comunale, dai quali non abbiamo ricevuto né una telefonata né una visita privata o pubblica. Concludo con un saluto affettuoso e ribadisco che mi batterò fino alla morte per il bene e la dignità di ogni donna».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto