Petilia, arrivano anche gli elicotteri per cercare gli allevatori scomparsi

Di Rosario e Salvatore Manfreda si sono perse le tracce a Pasqua. Indagini a tutto campo per individuare il motivo della loro sparizione

di Gaetano Megna
PETILIA POLICASTRO Si cerca anche dall’alto. A Petilia Policastro sono arrivati gli uomini del nucleo elicotteri carabinieri di Vibo Valentia per individuare le tracce dei due uomini spariti nel nulla. L’obiettivo è quello di trovare qualsiasi segno che possa svelare il luogo dove si trovano Rosario e Salvatore Manfreda, 69 anni il primo e 34 anni il secondo, padre e figlio, allevatori originari di Mesoraca, ma residenti nella frazione Sofoma di Petilia Policastro (qui la notizia). Dei due si sono perse le tracce lo scorso 21 aprile, la mattina di Pasqua. Dall’alto si cercano le tracce anche dell’auto, un suv Ford di colore blu scuro, utilizzata dai due allevatori per allontanarsi dalla propria abitazione di Sofama. Le indagini condotta dai carabinieri della stazione di Petilia Policastro e dagli investigatori in forza al comando provinciale dell’arma sono a tappeto.
Si cerca soprattutto di capire quale possano essere le ragioni legate alla sparizione, considerato che i due allevatori non hanno legami con la criminalità organizzata. Non hanno nemmeno precedenti penali che possano far pensare ad un’azione punitiva riconducibile ad affari illeciti. La loro attività di allevatori è considerata di buon livello: sono partiti dall’allevamento bovino e sono passati a quello ovicaprino. Nel Petilino sono considerate persone perbene, ma i carabinieri, comunque, non trascurano nessuna ipotesi e cercano anche la traccia più insignificanti per trovare una risposta al giallo della loro sparizione. (redazione@corrierecal.it)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto