False inserzioni per le ricariche Postepay, la truffa 2.0 partiva da Crotone

Gli accertamenti dei carabinieri di Roma hanno portato a individuare un 55enne di Catanzaro e un 20enne romeno che sono stati denunciati

ROMA Pubblicavano false inserzioni sul web per assicurarsi ricariche Postepay. Due persone state denunciate dai carabinieri e altre 4 per favoreggiamento personale. Una action cam di ultima generazione inserzionata su un noto portale di vendite on line a un prezzo stracciato, un acquirente fortemente interessato e l’affare era fatto. Peccato che dopo aver effettuato il pagamento della merce, mediante ricarica su una carta Postepay indicata dal venditore, la merce non sia più arrivata.
A fare luce sulla truffa 2.0 sono stati i Carabinieri della Stazione Porta Portese che, ricevuta la denuncia del cliente truffato, hanno fatto scattare una serie di accertamenti che hanno stretto il cerchio attorno a una coppia di amici residenti a Crotone. I due, un 55enne originario della provincia di Catanzaro ma da tempo residente a Crotone e un cittadino romeno di 20 anni, anche lui residente nel piccolo capoluogo calabrese, sono stati identificati e denunciati con l’accusa di truffa in concorso. Nel corso delle indagini, altre 4 persone – tra conoscenti e parenti dei due uomini – sono stati, a loro volta, denunciati a piede libero per favoreggiamento personale poiché, interrogati sui fatti contestati, hanno reso false dichiarazioni per “coprire” le malefatte dei due.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto