Crotone, è ancora emergenza al cimitero

La mancanza di materiale primo impedisce la tumulazione dei defunti. Oltre trenta bare si sono accumulate nella sala mortuaria

di Gaetano Megna
CROTONE Ci sono i loculi, ma mancano la malta ed i mattoni per procedere alla tumulazione e 31 defunti sono “ammucchiati” nella camera mortuaria. Torna l’emergenza al cimitero di Crotone, anzi non è mai finita nonostante l’ordinanza emanata, nelle scorse settimane, dal commissario dal prefettizio Tiziana Costantino, che ha consentito l’estumulazione di 50 defunti “datati”. I dipendenti del cimitero sono disperati, perché i parenti dei defunti scaricano le loro legittime invettive su di loro.
La malta ed i mattoni dovevano essere acquistati ma nessuno, sino a questa mattina, ha autorizzato l’acquisto firmando la determina. Dovevano essere acquistati anche i guanti e il resto del materiale, che usano i lavoratoti del cimitero ma nemmeno questa spesa è stata effettuata. Al cimitero parlano di una somma che si aggira interno ai 300 euro. Una cifra irrisoria se si considera che un solo loculo ai cittadini costa circa 1.600 euro.
Ci sono stati anche cittadini che si sono offerti di fornire mattoni e malta, ma la donazione “bonaria” non è prevista e quindi i morti continuano a essere stipati nei due piani che compongono la camera mortuaria (piano terra e primo piano). L’altro problema che, ancora non è stato risolto, riguarda l’acquisizione da parte del Comune dei 120 loculi realizzati e già pronti all’uso, che si trovano nell’ala nuova del cimitero. Nessuno sa per quale motivo l’acquisizione non sia ancora avvenuta. Quando arriveranno mattoni e malta i 50 loculi disponibili sono destinati ad esaurirsi nell’arco di poco tempo: 31 dalle bare depositate nella camera mortuaria e gli altri 19 dai defunti che purtroppo arriveranno nei prossimi giorni.
Per fronteggiare l’emergenza c’è bisogno di acquisire i loculi realizzati dalla ditta che ha vinto la gara per costruirne 360. Il commissario Costantino, sempre nelle scorse settimane, si era occupata della vicenda del cimitero in seguito ad una lettera aperta diffusa da una cittadina che, nell’arco di pochi giorni, aveva perso entrambi i genitori e aveva sollevato il problema. Costantino sui era impegnata a risolvere il problema per garantire ai defunti di Crotone il diritto alla sepoltura. (redazione@corrierecal.it)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto