‘Ndrangheta in Emilia, confisca da 13 milioni ai fratelli Sarcone

L’attività eseguita da Dia Firenze e carabinieri di Modena. Originari di Crotone, il loro ruolo è emerso nell’operazione “Aemilia”. Tra i beni 40 immobili, autoveicoli e conti in Bulgaria e Romania

MODENA Quaranta tra terreni e fabbricati e altri beni per un valore di 13 milioni di euro sono stati confiscati ai fratelli Nicolino, Gianluigi e Carmine Sarcone (residenti a Bibbiano nel Reggiano e attualmente detenuti) e Giuseppe Sarcone Grande (residente a Reggio Emilia), ritenuti esponenti di primo piano della ‘ndrangheta in Emilia-Romagna, emersi nell’operazione “Aemilia” e originari di Crotone.
La confisca è avvenuta nell’ambito di un’attività eseguita dalla Dia di Firenze e dai carabinieri di Modena, con la collaborazione della sezione operativa Dia di Bologna e dei Carabinieri di Reggio Emilia e Crotone, e con il coordinamento della Dda Bologna. Disposto inoltre nei confronti dei quattro l’obbligo di soggiorno nel Comune di residenza, per 5 anni. I beni nelle province di Reggio Emilia, Modena, Parma, Perugia e Crotone: oltre ai 40 immobili, numerosi autoveicoli, consistenti disponibilità finanziarie, quote societarie e compendi aziendali, più imprese estere e conti bancari in Bulgaria e Romania.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto