Atto intimidatorio a Cutro, il Prefetto: «Vicini alla commissione per ripristinare la legalità»

Il prefetto di Crotone, Tiziana Tombesi, interviene sull’intimidazione fatta alla commissione insediata al Comune dopo lo scioglimento. «Questa azione ci stimola ad adottare misure ancora più autorevoli e incisive»

CUTRO Nei giorni scorsi, l’auto in uso all’Ufficio tecnico del Comune di Cutro, un bene confiscato alla criminalità organizzata, è stata danneggiata davanti al Municipio, nella Piazza centrale del Paese, da ignoti che hanno squarciato le quattro gomme.
Si tratta di un’azione molto grave perché avviene in un momento in cui la nomina dell’organo di gestione straordinaria rappresenta lo strumento attraverso il quale lo Stato intende perseguire l’obiettivo del ripristino della legalità e della corretta gestione dell’amministrazione comunale in un contesto connotato da forti criticità nei diversi settori dell’amministrazione ed in un ambiente reso estremamente difficile per la presenza della criminalità organizzata. È del tutto evidente che il grave atto intimidatorio posto in essere, lungi dal determinare un cambio di rotta nell’azione amministrativa intrapresa, costituirà lo stimolo per l’adozione di misure ancora più autorevoli, determinate ed incisive.
Alla Commissione straordinaria va la piena ed incondizionata solidarietà della Prefetto di Crotone, che assicura come sempre, il massimo sostegno nell’attività di risanamento dell’Ente intrapresa fin dal momento dell’insediamento.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto