Crotonese in ginocchio, Voce: «Non vengono processati i tamponi. Tracciamento impossibile»

Il sindaco di Crotone denuncia i disagi diffusi in provincia con riguardo alla gestione dell’emergenza Covid. «È come se fossimo tornati al punto di partenza e l’ospedale è pieno». Sull’alluvione: «Questa emergenza nell’emergenza aumenta le difficoltà»

CROTONE «Nella nostra provincia non vengono processati nemmeno i tamponi, che vengono mandati a Catanzaro. Eppure questo è fondamentale nel tracciamento. Se prima di rintracciare i positivi e i contatti passano 10 giorni, è chiaro che il contagio dilaga». A dirlo è stato il sindaco di Crotone Vincenzo Voce, intervenuto ai microfoni della trasmissione “Cosa succede in città” su Radio Cusano Campus.
«Avere questa situazione a distanza di 7 mesi dal primo lockdown – aggiunge Voce – è vergognoso, è come se fossimo tornati al punto di partenza. Non possiamo permetterci che i casi positivi abbiano poi complicanze, perché l’ospedale di Crotone ha 30 posti covid tutti pieni, aspettiamo un ospedale da campo ma ancora non c’è. E quando arriverà voglio vedere come ci si organizzerà col personale sanitario».
Quanto alla vicenda del commissario alla sanità calabrese, non ancora nominato dal governo, il Primo cittadino spiega: «Da queste parti i momenti bui li abbiamo vissuti, è vero che adesso c’è una particolare concentrazione dei problemi. E un periodo difficilissimo, però bisogna rimboccarsi le maniche. Il fatto che si debba trovare necessariamente un commissario che venga dal Nord non lo capisco. Il dottor Gino Strada è un medico straordinario, potrebbe essere la persona giusta in questo momento di emergenza, ma la Calabria da sempre ha avuto grandi medici. Qui abbiamo tantissimi professionisti che operano in tutto il mondo in tutti i campi. Sono 11 anni che abbiamo commissari, ma se questi ruotano sempre attorno alla politica, siamo al punto di partenza».
Il sindaco Vincenzo Voce ha poi aggiunto: «Non ci voleva questa emergenza nell’emergenza. – dice il sindaco di Crotone – Noi siamo sempre in una situazione abbastanza critica dal punto di vista del lavoro, della sanità, della viabilità, e questa bomba d’acqua che ha travolto la città nel fine settimana non ci voleva. Ci sono stati tanti danni, per fortuna non si registrano vittime né dispersi. Cercheremo di uscirne fuori come facciamo sempre, stiamo facendo una raccolta fondi che è oro per chi vive momenti difficili. Le casse di comuni sono sempre povere, soprattutto adesso dopo questi mesi drammatici. La macchina della solidarietà è stata una cosa straordinaria, ci si deve aiutare necessariamente in questo modo», ha concluso.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto