La responsabile anticorruzione della Regione arrestata per corruzione

Su richiesta della Procura di Catanzaro sono finite ai domiciliari Maria Gabriella Rizzo e l’imprenditrice vibonese Laura Miceli. Al centro dell’inchiesta informazioni su bandi non ancora pubblicati, presunti escamotage per ottenere contributi pubblici e “consulenze” ripagate con soggiorni in Toscana e in un villaggio di Ricadi – VIDEO

CATANZARO Fino a poco tempo fa era la responsabile anti-corruzione della Regione, oggi è stata arrestata per corruzione. Maria Gabriella Rizzo, 57 anni, è finita ai domiciliari assieme all’imprenditrice vibonese Laura Miceli (67 anni) in esecuzione di un provvedimento emesso dal gip di Catanzaro, Paolo Mariotti. Entrambe sono indagate per corruzione nell’ambito di un’inchiesta condotta dai finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria e coordinata dai sostituti Graziella Viscomi e Giulia Tramonti, dall’aggiunto Vincenzo Capomolla e dal procuratore Nicola Gratteri.
Stando a quanto emerso dall’inchiesta, denominata “È dovere”, Maria Gabriella Rizzo, dirigente in servizio al dipartimento Turismo e Cultura della Regione e all’epoca dei fatti responsabile regionale per la trasparenza e la prevenzione della corruzione, avrebbe comunicato all’imprenditrice informazioni non ancora divulgate riferite a bandi non pubblicati, e avrebbe fornito alla stessa Miceli, attiva nel settore turistico a Ricadi, anche attività di “consulenza”. La dirigente, anche in incontri informali appositamente organizzati, secondo la Procura e la Gdf avrebbe prospettato all’imprenditrice «l’evoluzione delle istruttorie di pubblicazione ed i contenuti di bandi regionali finanziati da fondi comunitari destinati al supporto del settore turistico-alberghiero». In un caso (per il quale l’imprenditrice è indagata a piede libero anche per concorso in falso ideologico), cosciente del fatto che il villaggio turistico di Laura Miceli avesse già usufruito di un contributo “de minimis” da 200mila euro per il «miglioramento ed ampliamento delle strutture ricettive esistenti», nelle more della pubblicazione di un ulteriore bando, che sarebbe stato precluso all’imprenditrice perché aveva già usufruito di tale tipologia di fondi, Rizzo avrebbe promosso la partecipazione al bando dell’impresa che formalmente è intestata a terzi ma che in concreto gestisce il villaggio “Baia di Ercole” e sarebbe sempre riconducibile a Miceli.

In un caso, inoltre, la dirigente regionale secondo gli inquirenti si sarebbe «personalmente adoperata per “accontentare” Miceli, bisognosa di avere la liquidazione il prima possibile di un s.a.l. di oltre 130 mila euro». «Siccome per un errore contenuto in una scheda tecnica – spiegano ancora gli inquirenti – l’effettiva liquidazione del s.a.l. da 130mila scese a 124mila euro, la Rizzo si sentì in dovere di spiegare alla Miceli che l’errore non era dipeso da lei». A fronte di questi «servigi», la dirigente della Regione assieme ai suoi familiari avrebbe «usufruito a spese della Miceli di un soggiorno di 5 giorni nel capoluogo toscano, di un soggiorno nel villaggio di Ricadi nonché beneficiava di diversi pranzi e di varie donazioni di vino». Nella vicenda la Procura ipotizza il concorso con la dirigente di un ingegnere (consulente esterno deputato al controllo dei finanziamenti erogati dalla Regione al settore turistico) la cui posizione «dovrà essere valutata dal giudice con riferimento alla richiesta di sospensione dall’incarico di collaboratore della Regione» avanzata dai pm di Catanzaro.

s. pel.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto