«Il Centro per le tartarughe di Brancaleone non chiude»

Dopo la notizia dello sfratto interviene Oliverio: «Ho chiesto a Rfi di impegnarsi a garantire la permanenza dell’associazione in quei locali. Le difficoltà saranno ora superate in tempi rapidi»

CATANZARO Il Centro recupero tartarughe marine di Brancaleone non chiude. Lo assicurano dalla Regione dopo che il governatore Mario Oliverio è intervenuto, tramite l’assessorato alle Infrastrutture, presso la Direzione regionale di Rfi per scongiurare lo sgombero del Centro dai locali della stazione di Brancaleone in cui l’associazione che gestisce la struttura è ospitata (qui la notizia). Oliverio inoltre ha chiesto a Rfi di «impegnarsi a garantire la sua permanenza in quei locali, considerato l’elevato valore sociale delle attività svolte dalla Onlus».
«È una realtà che io conosco benissimo – ha detto Oliverio – e che deve essere ulteriormente valorizzata. Ho chiesto a Rfi, che ha mostrato grande disponibilità in tal senso, di superare ogni difficoltà di ordine burocratico. Ringrazio l’ingegnere Sergio Stassi, direttore regionale di Rfi, per aver accolto la mia richiesta».
«Grazie alla disponibilità dimostrata da Rfi – fanno sapere infine dalla Regione – le difficoltà emerse saranno ora superate in tempi rapidi: quelli necessari per espletare le procedure amministrative che consentiranno la permanenza del Centro di Recupero negli spazi che attualmente occupa».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto