SFASCIO | «I consiglieri di maggioranza stanno cercando una nuova casa» – VIDEO

Guccione rivela le mosse di alcuni esponenti del centrosinistra e avverte Oliverio: «Nomini un vicepresidente per fermare la crisi». Le Regionali? «Io mi candiderò alle primarie del Pd»

LAMEZIA TERME Non usa giri di parole, Carlo Guccione: «Diversi esponenti della maggioranza stanno cercando una nuova casa». Il significato è lapalissiano: i consiglieri regionali più scontenti, o quelli più preoccupati, stanno dialogando con il centrodestra in vista di una candidatura alle prossime Regionali.
Guccione non fa nomi, ma il suo messaggio è chiarissimo: «C’è nervosismo tra quei colleghi di maggioranza che cercano un altro posizionamento politico. Si può stare in una casa che rischia di crollare e dove non c’è nessuno che cerca di metterci un puntello?». Esplicito il riferimento al presidente Oliverio e alle sue ultime mosse.
Guccione, ospite dell’ultima puntata de Lo Sfascio, condotta da Pietro Bellantoni, non ha lesinato giudizi e ha invocato un cambiamento nella giunta regionale, i cui componenti, proprio ieri, hanno ricevuto ulteriori deleghe dal governatore. «È necessario che ci sia un ritorno della politica. Io non sono interessato a nulla, ma ritengo che ci sia bisogno di una figura che, in assenza o impedimento di Oliverio, garantisca un rapporto tra il governo regionale e il territorio. I tecnici non svolgono questa funzione. Abbiamo bisogno di una giunta che abbia la possibilità di avere una personalità di fiducia del presidente, che possa governare d’intesa con la società. Credo che un vicepresidente politico sia il minimo. Il gruppo del Pd ha avuto un’ampia convergenza su questa ipotesi. Mi auguro che, nei prossimi giorni, il capogruppo Romeo abbia la possibilità di avere una risposta da Oliverio».

«PARTECIPERÒ ALLE PRIMARIE» Necessario, a parere di Guccione, che in Calabria si apra «una nuova fase». «Non gioco a “Oliverio sì, Oliverio no”. So solo che quel progetto che avevamo costruito nel 2014 oggi è residuale. La vicenda di Oliverio bloccato a San Giovanni in Fiore sta acuendo questa situazione».
Il consigliere dem non sorvola su un suo impegno diretto alle prossime elezioni regionali: «Io candidato alla presidenza? Si devono fare le primarie e io ci sarò. Non so se sarà contro Oliverio o altri. In questi anni ho dimostrato forza politica, anche con battaglie solitarie. Oggi molti colleghi mi dicono che avevo ragione. Ho avuto tante sirene, tante offerte in questi anni. Ma il problema non è il destino di una persona. Abbiamo messo in campo migliaia di persone attorno a un cambiamento che la gente fa fatica a vedere. La gente sta peggio di prima e non ha percepito questo cambiamento».

AUTOCOMMISSARIAMENTO DEL PD Guccione affronta anche la situazione del Pd: «Il commissariamento è stato voluto dal gruppo dirigente della regione Calabria, non ci prendiamo per i fondelli. È una premessa importante, altrimenti qualcuno vuol farci fare una battaglia contro Roma… Roma ha solo preso atto di questa volontà. Secondo me il commissariamento è utile a qualcuno che non vuole impicci mentre si governa la Regione. Sbagliando, perché un partito forte aiuta tutti, anche chi governa».
C’è un grosso punto interrogativo sul futuro del partito, e Guccione non nasconde i rischi: «Ci giochiamo una partita importante alle Europee ma anche alle Amministrative, visto che ci sono quasi 220 comuni calabresi che vanno al voto. E il Pd che sta facendo? Da quando governiamo la Calabria abbiamo perso tutti i capoluoghi di regione. Non abbiamo più un sistema dei circoli, il partito non è più radicato nei territori. Se viene meno anche la presenza nelle amministrazioni, non saremo della partita alle Regionali. Il rischio è che se permane questa situazione, gli altri vinceranno a tavolino».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto